13 Giugno 2012

PROTESI AL SENO PIP: INCHIESTA DELLA PROCURA DI MILANO

PROTESI AL SENO PIP: INCHIESTA DELLA PROCURA DI MILANO

Le denunce di tre donne spingono la Procura di Milano ad aprire un fascicolo contro ignoti sulla vicenda delle protesi al seno PIP, prodotte in Francia e ritirate dal mercato a causa della loro possibile ericolosità . L’ inchiesta nasce dopo l’ invio di un esposto da parte del Codacons alle procure di tutt’ Italia e, dunque, potrebbero esserci ulteriori sviluppi. Di sicuro resta il dato allarmante delle donne italiane con protesi PIP a rischio, circa 4500, che nei mesi scorsi si sono rivolte a medici e presidi sanitari per farsi controllare. Purtroppo non in tutte le Regioni d’ Italia sono stati attivati dei centri di riferimento ad hoc. In Campania il dottor Alfredo Borriello direttore dell´unità operativa di Chirurgia Plastica dell´Ospedale Pellegrini di Napoli , ha attivato un ambulatorio dedicato “Sos Protesi”, individuato come uno dei centri di riferimento regionale a cui si rivolgono ogni settimana decine di pazienti con impiantate le protesi francesi tra il 2001 e il 2010. “Nel giro di pochi mesi ho operato decine di pazienti, riscontrando diversi casi di protesi rotte o danneggiate – precisa il dottor Borriello – La percentuale è di una protesi rotta su dieci. I primi controlli effettuati hanno confermato il buono stato delle protesi impiantate tra il 2001 e il 2005, mentre più critiche si sono rivelate le condizioni di quelle impiantate tra il 2006 e il 2010, con casi di alterazione di materiale impiegato, in particolare del gel, facilmente riconoscibile da un colorito giallastro”. Da poco il Parlamento ha approvato l’ istituzione di un registro nazionale e regionale delle protesi per cercare di agevolare la rintracciabilità dei prodotti usati. ” Grazie a questo nuovo provvedimento si potrà monitorare in maniera precisa dove, quando e quali impianti mammari sono stati utilizzati, garantendo una maggiore garanzia anche per le pazienti ” aggiunge Borriello. E proprio la qualità e la sicurezza nella chirurgia estetica saranno i temi centrali del X Corso Internazionale di Chirurgia Plastica che si terrà il prossimo 22 giugno a Napoli . Un appuntamento per discutere di strategie e novità legate alla problematica dei re-interventi con la partecipazione di specialisti provenienti dalle migliori università del mondo che si confronteranno sulle metodologie utilizzate nelle sedute operatorie di rinoplastica, blefaroplastica, mastoplastica additiva e body contouring. Dr. Alfredo Borriello, Medico Chirurgo, Specialista in chirurgia plastica ricostruttiva – estetica , Dirigente Responsabile Unità Operativa Chirurgia Plastica Ospedale Pellegrini ASL 1, Napoli – Studio di Napoli: Via San Pasquale, 55 – 80100 Napoli , Via F. Persico, 62 – 80141 Napoli – Tel. e Fax. 081/7808051 ; Studio di Roma: Via M. Dionigi, 29, 00100 Roma – Cell. 337 949491 – e-mail: [email protected]
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox