25 Luglio 2018

Pronto soccorso vietato ai familiari

 

CATANIA La scelta di chiudere le porte dei Pronto soccorso ai familiari dei pazienti, alla luce delle recenti aggressioni ai medici, non convince il Codacons: «Da adesso in poi un bambino non potrà andare al Pronto soccorso accompagnato dai genitori e una donna non potrà andare con i figli». La soluzione drastica è stata ipotizzata nel corso del Comitato per l’ ordine e la sicurezza convocato dal prefetto di Catania. «Abbiamo combattuto per avere sicurezza negli ospedali – scrive il Codacons – abbiamo chiesto l’ intervento del Governo nazionale e anche l’ aiuto dell’ esercito ma adesso ci rendiamo conto che le Istituzioni non riescono a fronteggiare il problema. Abbiamo lanciato un appello per intervenire sulle lunghe liste di attesa della sanità, perché non è possibile rimanere 10/12 ore nei Pronto Soccorso. Dal Codacons sono anche partite proposte concrete. Ma oggi le Istituzioni, non riuscendo a fermare la violenza, chiudono le porte ai parenti dei pazienti che si recano al Pronto Soccorso, compresi bambini e anziani che sono coloro che hanno bisogno di più attenzione. Il rimedio ci sembra peggio del male».(c.s.)

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox