5 Aprile 2021

PROGETTO PANDORA SUI RIFUGIATI

    Secondo l’ultimo rapporto sulla migrazione di Dunja Mijatovic, commissario dei diritti umani del Consiglio d’Europa “Una richiesta di soccorso per i diritti umani. Il divario crescente nella protezione dei migranti nel Mediterraneo”“gli Stati Ue devono urgentemente cambiare le loro politiche migratorie nel Mediterraneo, perché quelle attuali mettono in pericolo la vita e il rispetto dei diritti di rifugiati e migranti”.
    Secondo la Commissaria i Paesi europei non sono riusciti a “realizzare un approccio coordinato ed equo alle traversate marittime e alla protezione di coloro che tentano di effettuarle. Peggio ancora, il loro approccio provoca migliaia di morti evitabili ogni anno”, nonostante ci siano “i mezzi e gli strumenti per invertire la tendenza”.
    È arrivato il momento per gli Stati europei di mettere fine a questa vergognosa tragedia”, ha affermato la commissaria, chiedendo agli Stati di ripristinare con urgenza le loro operazioni navali di salvataggio e di mettere fine a tutte le attività che espongono migranti e rifugiati al rischio di dover tornare in Paesi in cui sono violati i loro diritti.

    Si tratta di una presa di posizione importante da parte della Commissaria – sottolinea il Codacons- che evidenzia il grave problema dei migranti, le plurime violazioni dei diritti umani ai quali sono sottoposti e la necessità, resa ancora più impellente dalla situazione epidemiologica, di invertire la tendenza e trovare vie legali e sicure per le migrazioni.

    La nostra associazione – fa sapere il Codacons- , è dal canto suo fortemente impegnata a
    garantire ai rifugiati, agli sfollati ed ai richiedenti asilo una adeguata accoglienza ed assistenza sotto tutti i punti di vista.
    Grazie all’annuale ripartizione della quota fondi otto per mille Irpef a diretta gestione Statale, difatti, l’Associazione ha realizzato il progetto “Pandora”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per il coordinamento amministrativo – fondi quota otto per mille Irpef, il cui intento è quello di attuare interventi concreti rivolti ai soggetti stranieri collocati in Italia in un’ottica di maggiore efficacia del sistema dell’accoglienza.
    L’Associazione dunque attraverso un team di professionisti tra i quali avvocati, psicologi, assistenti sociali, mediatori culturali fornisce supporto, attraverso le proprie strutture, dislocate in tutta Italia ed in particolare nelle sedi delle Regioni Lazio, Lombardia, Emilia Romagna e Puglia, a tutti i cittadini stranieri che necessitano di un aiuto concreto sulle problematiche di natura legale, amministrativa oltre che quelle più specificatamente psico -socio- antropologiche e di integrazione.
    Per informazioni sul progetto, appuntamenti presso le sedi locali e prima assistenza è possibile contattare il n. 06/62284092 attivo nei seguenti giorni ed orari:

    • LUNEDI, MERCOLEDI’ E VENERDI DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 13.00

    • MARTEDI E GIOVEDI DALLE 14 ALLE 17.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox