30 Marzo 2021

PROGETTO PANDORA

    L’Unhcr, Agenzia Onu per i Rifugiati, in occasione della Giornata Internazionale della Donna ha lanciato un serio allarme sulla situazione delle donne e delle ragazze rifugiate, sfollate ed apolidi in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi ha sottolineato in particolare che “L’impatto socio-economico senza precedenti della pandemia sta mettendo a repentaglio molte vite. Stiamo assistendo a un aumento estremamente preoccupante di segnalazioni di violenza di genere, inclusi casi di violenza domestica, matrimoni forzati, lavoro minorile e gravidanze adolescenziali”.
    “La comunità internazionale” – ha dichiarato Grandi “deve fare un passo in avanti e aiutare a proteggere i diritti delle donne e delle ragazze costrette alla fuga e apolidi. Questo implica il sostegno ai programmi umanitari che combattono la disuguaglianza di genere, compresa la violenza di genere, e anche l’ampliamento dei programmi di istruzione e delle iniziative professionali e di autosufficienza. Tali iniziative devono anche essere incluse nei pacchetti di sostegno socio-economico che i governi stanno progettando e attuando”.

    L’allarme dell’Unhcr – secondo il Codacons- evidenzia ancora una volta come l’emergenza epidemiologica da Covid-19 stia contribuendo ad aggravare fortemente le situazioni di fragilità sociale. I rifugiati, gli sfollati e gli apolidi sono tra le fasce più colpite dalle conseguenze della pandemia.
    E’ sempre più necessario compiere passi in avanti per garantire l’integrazione e la tutela dei diritti umani e combattere la disuguaglianza sociale e di genere.

    La nostra associazione – fa sapere il Codacons- , è dal canto suo fortemente impegnata a
    garantire ai rifugiati, agli sfollati ed ai richiedenti asilo una adeguata accoglienza ed assistenza sotto tutti i punti di vista.
    Grazie all’annuale ripartizione della quota fondi otto per mille Irpef a diretta gestione Statale, difatti, l’Associazione ha realizzato il progetto “Pandora”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per il coordinamento amministrativo – fondi quota otto per mille Irpef, il cui intento è quello di attuare interventi concreti rivolti ai soggetti stranieri collocati in Italia in un’ottica di maggiore efficacia del sistema dell’accoglienza.
    L’Associazione dunque attraverso un team di professionisti tra i quali avvocati, psicologi, assistenti sociali, mediatori culturali fornisce supporto, attraverso le proprie strutture, dislocate in tutta Italia ed in particolare nelle sedi delle Regioni Lazio, Lombardia, Emilia Romagna e Puglia, a tutti i cittadini stranieri che necessitano di un aiuto concreto sulle problematiche di natura legale, amministrativa oltre che quelle più specificatamente psico -socio- antropologiche e di integrazione.
    Per informazioni sul progetto, appuntamenti presso le sedi locali e prima assistenza è possibile contattare il n. 06/62284092 attivo nei seguenti giorni ed orari:

    • LUNEDI, MERCOLEDI’ E VENERDI DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 13.00

    • MARTEDI E GIOVEDI DALLE 14 ALLE 17.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox