16 Luglio 2013

Primato negli affitti low cost ma i dati non convincono

Primato negli affitti low cost ma i dati non convincono

 

GALLIPOLI. Tra i Paesi mediterranei più gettonati quali mete di vacanze, l’ Italia è il più caro sul versante degli affitti. Lo sostiene il Codacons, rendendo noti i risultati di una ricerca, che riserva una vera e propria sorpresa: nel contesto delle principali località turistiche del Bel Paese, Gallipoli offre i prezzi più bassi. Il coordinamento delle associazioni di tutela dei consumatori ha confrontato i prezzi di appartamenti e strutture ricettive per il mese di agosto. La ricerca è stata condotta attraverso i siti specializzati in locazione di case per le vacanze e prenotazioni alberghiere. Per le prime, le tariffe variano a seconda delle dimensioni e dell’ ubicazione, e fanno riferimento ad un soggiorno di una settimana per 2-4 persone nel mese di agosto; per gli hotel, fanno riferimento ai costi medi di un soggiorno per una notte in camera matrimoniale di struttura a 4 stelle. La notizia ha destato sorpresa – piacevole, ovviamente – tra gli interlocutori della redazione, atteso che Gallipoli è considerata una città cara. In realtà, i segnalati suoi 400-900 euro a settimana, sono preceduti da Porto Cervo (1.500-3.000), Capri (1.000-2.000), Sorrento (700-1.200), Santa Margherita Ligure (600-1.200) e Viareggio (600-1.000). Ma le cifre di Gallipoli sono attendibili? A parte le tariffe alberghiere, che sono note, e la logica premessa che un’ eventuale distorsione dei dati si ripercuoterebbe in maniera omogenea sull’ intera indagine, in effetti i 400 euro sono fuori mercato, perfino per l’ ultima settimana di agosto. «Si può trovare qualche bilocale per meno di 900 euro – dice Marco Greco, della «ig immobiliare» – ma sicuramente nulla, a tale prezzo, per la settimana di ferragosto, per la quale è più attendibile la cifra di 1.300-1.400 euro». Esentasse? Sicuramente no per chi «passa» da un’ agenzia – troppe tracce, tra fax, assegni, fatture ed altro – ma potenzialmente in nero per chi si affida al «fai da te» (e magari si ritrova con una villa affittata «a Carmiano, a un passo da Gallipoli»). Ritornando all’ indagine del Codacons, il confronto con le località estere vede l’ Italia ultima assoluta in convenienza, con la Croazia, al contrario, in pole position (Hvar 200-400 euro) e la Grecia buona seconda (Corfù 280-700, Mykonos 450-1.200), ma sono convenienti anche le tariffe delle spiagge più alla moda in Spagna e Turchia. Poi, magari, ci sarà qualche impennata anche in quei Paesi, ma sicuramente nessuno potrà superare il record segnalato dal Codacons: 26mila euro (e non è un errore di stampa) a settimana, per una villa per 15 persone a Porto Cervo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this