10 Gennaio 2003

Prigionieri della tormenta, come chiedere i danni all`Anas

Prigionieri della tormenta
come chiedere i danni all`Anas




Chi, il 6 gennaio, è rimasto intrappolato nel traffico e nella tormenta di neve che si era abbattuta sulla E45 all`altezza di Pieve Santo Stefano può chiedere i danni all`Anas.
Lo fa presente in una nota il coordinatore del Codacons Emilia Romagna Bruno Barbieri. «I 6 gennaio scorso – dice la nota del Codacons – molti automobilisti sono rimasti molti automobilisti sono rimasti prigionieri della tormenta di neve sulla E45 all`altezza di Pieve Santo Stefano senza che nessun veicolo dell`Anas si facesse vedere fino alle 8,30 della mattina successiva per tentare di pulire la strada e liberare le auto rimaste bloccate in un lungo serpentone di 10 chilometri». Secondo il Codacons «se effettivamente la situazione è stata sbloccata solo grazie all`intervento di forze dell`ordine e vigili del fuoco, è evidente che un eventuale inadempienza dell`Anas rispetto alle proprie finalità istituzionali lungo quel tratto di strada determinerebbe per gli automobilisti la possibilità di adire le vie legali per ottenere dall`Anas un risarcimento del danno per la situazione di angoscia e di stress a cui sono stati sottoposti durante la nottata». L`invito del Codacons è quello di mettersi in contatto con l`associazione per inoltrare la richiesta di risarcimento. Il Codacons da parte sua presenterà un esposto in procura sull`accaduto.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox