11 Giugno 2005

Prezzi, rischio stangata per bollette di luce e gas



ROMA – Un rincaro del 3% sull`elettricità e del 4% sul metano, già dal primo luglio. Per le famiglie, questo significa una spesa maggiore di oltre 40 euro all`anno. Questo il rischio per le bollette della luce e del gas, a causa dell`improvviso incremento del prezzo del petrolio, secondo una stima del Rie (Ricerche Industriali Energetiche). ll governo starebbe però studiando delle misure di “contenimento“. “La stima, che resta pessimista anche per i prossimi trimestri – spiega Davide Tabarelli, esperto del Rie – si basa sul meccanismo di indicizzazione delle tariffe in base all`andamento dei combustibili e delle materie prime sui mercati internazionali“. Il sistema di aggiornamento si basa, infatti, sulla media delle quotazioni del greggio negli ultimi 6 mesi per l`elettricità e degli ultimi 9 mesi per il gas. Quotazioni che sono salite giorno dopo giorno. Il rialzo per l`elettricità potrebbe essere di circa 2-3%. L`impatto sulle bollette di una famiglia tipo (225 kwh di consumi mensili) si tradurrebbe così in un aumento di 10 euro sul conto annuale per la luce. Nel caso del gas, invece, il possibile incremento del 4% potrebbe costare oltre 30 euro all`anno alla stessa famiglia tipo. Per il bilancio famigliare, dunque, ci sono dunque 40 euro in più di spesa per luce e gas. A decidere sarà, comunque, l`Authority per l`energia, che entro fine giugno dovrà comunicare l`aggiornamento per il prossimo trimestre. Intanto, sembra che il governo si stia muovendo per individuare alcune misure anti-rincaro. Non si tratta, però, di un blocco delle tariffe, come avvenne nell`agosto del 2002, quando furono “congelate“ per 4 mesi. L`obiettivo delle nuove misure sarebbe invece “spalmare“ nel tempo alcune delle voci che compongono la tariffa elettrica. “Il primo intervento che il governo deve attuare è certamente il taglio delle accise sulla benzina, così da portare a una riduzione dei prezzi dei carburanti consumatori“, dice il Codacons. L`associazione dei consumatori denuncia la mancanza di concorrenza e minaccia campagne di auto-riduzione della luce e del gas.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox