2 Maggio 2005

PREZZI: ORTOFRUTTA;CODACONS,CONVIENE FAR LA SPESA IN FRANCIA

PREZZI: ORTOFRUTTA;CODACONS,CONVIENE FAR LA SPESA IN FRANCIA

DIFFERENZE DI COSTO AL DETTAGLIO DEL 50% SU LATTUGA E PATATE

(ANSA) – ROMA, 2 MAG – Preparare, in casa, un`insalata alla Nizzarda costa la metà sulla costa Azzurra che in Italia. E non per la tipicità territoriale della pietanza ma per il semplice confronto di ingredienti base, come patate e lattuga, nei mercati nazionali e quelli d`oltralpe. A effettuare il monitoraggio sui prezzi di frutta e ortaggi tra Italia e Francia é stato il Codacons che sottolinea un paradosso: “nel nostro Paese i prezzi all`ingrosso sono più bassi alla produzione rispetto alla Francia ma più alti al dettaglio, con picchi di rincari in Italia del +52% per la lattuga e del + 50% per le patate“. Al dettaglio il carrello della spesa riempito in Italia è meno conveniente per le banane (+36%), le fragole (+36%), le mele (+26%), le carote (+13%), il cavolfiore (+7%), le zucchine (+31%), la lattuga (+52%), le cipolle (+37%), le patate (+50%) e i pomodori (+6%). Rispetto ai cugini d`oltralpe le famiglie italiane risparmiano però su due voci: i kiwi (-14%) e le pere (-7%). Cambia in parte la musica nel confronto dei prezzi all`ingrosso. L`Italia mantiene il ruolo di mercato conveniente per kiwi e pere ma anche le mele (-21%) e i mandarini (-43%) sono a buon mercato rispetto ai mercati francesi. In Francia però sembra un vero affare comprare le fragole, in vendita a 1,24 euro rispetto ai 3,70 euro in Italia (+200%), e le arance da noi vendute a 0,85 euro (+30%) mentre i distributori francesi cedono gli agrumi a 0,65 euro. “Il prezzo in Italia più alto al dettaglio e più basso all`ingrosso – sostiene il presidente Codacons Carlo Rienzi – dimostra chiaramente la presenza di speculazioni nei vari passaggi della filiera del nostro Paese che vanno ad incidere sul prezzo finale dei prodotti venduti al consumatore. Ed è proprio in questi passaggi – conclude il rappresentante dei consumatori – che si dovrebbe intervenire con controlli e sanzioni per evitare incrementi ingiustificati“.(ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox