31 Agosto 2008

Prezzi, le associazioni: tra i produttori e i clienti finali ci sono troppi passaggi

Le associazioni dei consumatori chiedono alle istituzioni di intervenire per porre un freno “all`aumento indiscriminato dei prezzi“. Nel giro di sei mesi, secondo il Codacons, la pasta è stata soggetta a rincari di oltre il 30% (il rialzo più forte dopo il gasolio) mentre pane e latte sono aumentati rispettivamente del 13,2% e del 11,8%. “Si tratta di rincari ingiustificati – afferma il referente del Codacons, Nicola D`Andrea – a fronte di una diminuzione del grano dal 15% al 25%. Il problema nasce soprattutto dal mancato controllo dei rincari lungo la filiera che va dal produttore al consumatore. Ci sono troppi passaggi e a farne le spese è sempre l`utente finale. Secondo Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori “il livello d`inflazione rimane alto e preoccupante: è emergenza prezzi ? sostengono -, soprattutto per i generi alimentari e i prodotti energetici. Due beni primari e insostituibili, che rappresentano la spesa più considerevole per le famiglie, e che drenano risorse, comprimendo così tutti gli altri settori commerciali e produttivi, con un grave danno per l`economia“. Rispetto ad agosto 2007 le associazioni hanno rilevato per la pasta un incremento del 26%, per il pane del 16%, per pollo e patate oltre il 40%. Per una ricaduta totale sulle famiglie di 565 euro per il 2008. Per questo motiv il presidente del Movimento difesa del cittadino del Fvg, Raimondo Englaro chiede “un`adeguata politica a favore dei cittadini consumatori per quanto riguarda la lotta al carovita che – spiega – non deve essere solo un fatto estemporaneo, ma parte di riforme strutturali che si pongono come indispensabili in regione“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox