14 Giugno 2019

PREZZI: ISTAT ABBASSA STIMA, INFLAZIONE 0,8% A MAGGIO

     

    CODACONS: CALO INFLAZIONE DOVUTO A STOP SPECULAZIONI SU CARBURANTI, GOVERNO INTERVENGA PER PORRE FINE ALLA STANGATA SULLE PARTENZE DEGLI ITALIANI

    PER FAMIGLIA CON DUE FIGLI MAGGIORE SPESA ANNUA SCENDE A +324 EURO

    Con i dati definitivi dell’Istat che abbassa l’inflazione di maggio allo 0,8%, si confermano senza più alcun dubbio le speculazioni sul fronte dei carburanti messe in atto in occasione delle partenze degli italiani per le feste di Pasqua e i ponti di aprile. Lo afferma il Codacons, commentando i numeri dell’istituto di statistica.
    “La frenata dell’inflazione a maggio è dovuta proprio al ridimensionamento dei prezzi nel settore dei trasporti, guidato dal calo dei listini dei carburanti – spiega il presidente Carlo Rienzi – Ad aprile infatti, in occasione delle feste di Pasqua e dei ponti, i prezzi di benzina e gasolio erano schizzati alle stelle, per poi diminuire a maggio con la fine delle partenze delle famiglie. Una speculazione costata ben 110 milioni di euro agli italiani e sulla quale il Governo, anche sulla base dei dati odierni dell’Istat, farebbe bene ad intervenire per porre fine alle stangate sulle vacanze e punire qualsiasi rincaro speculativo dei listini”.
    Il tasso di inflazione in discesa allo 0,8% – calcola il Codacons – porta l’aggravio di spesa a scendere nel 2019 a +324 euro su base annua per una famiglia con due figli (+247 euro la famiglia “tipo”), dati elaborati sulla base dell’ultimo report Istat diffuso pochi giorni fa e relativo alla spesa ufficiale per consumi delle famiglie italiane (differentemente da altre associazioni che, erroneamente, calcolano l’incidenza dell’inflazione solo su un paniere limitato di voci).

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox