fbpx
13 Settembre 2003

Prezzi carburanti: continua la rapina ai consumatori !!




E? da mesi che l?Intesa consumatori denuncia gli andamenti anomali del prezzo della benzina basati sulla doppia velocità, velocissimi in salita e lentissimi in discesa.


Ma in questa settimana l?anomalia è francamente esagerata. Infatti se raffrontiamo i prezzi attuali del petrolio con quelli di agosto, settembre e ottobre 2002, si nota che sono praticamente identici e pari a 27$ al barile ma con la differenza dell?Euro che si è rafforzato del 15% poiché alla stessa data segnava 0,98 sul dollaro.


Sviluppando questi dati il prezzo industriale della benzina si dovrebbe attestare a 29,5 centesimi al litro che sommate alla accisa (tassa di produzione) pari a 54,2 e all?IVA del 20%, dovrebbe portare il prezzo finale a 1,004 euro con un risparmio di circa 8 centesimi al litro.


Perché non si interviene su tale anomalia? E perchè non viene costituita una commissione di inchiesta come da sempre l?Intesa consumatori ha richiesto? E? presto detto: mentre in base ai consumi le compagnie con un tale sovrapprezzo lucrano mensilmente maggiori entrate per 115 milioni di euro, lo stato incassa con identiche motivazioni oltre 26 milioni di euro. Naturalmente a farne le spese sono come al solito le famiglie italiane oltretutto già aggravate dalla pessima situazione economica e da continui aumenti di prezzi e di tariffe.



Intesa

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox