fbpx
6 Maggio 2013

Prevale la linea della continuità I 9 indipendenti tutti respinti

Prevale la linea della continuità I 9 indipendenti tutti respinti

Nessuno dei 9 candidati indipendenti al consiglio di amministrazione della Bcc Pordenonese è stato eletto. Tra loro anche l’ avvocato Vitto Claut, presidente del Codacons, il quale vedendosi rifiutate alcune proposte di modifica allo statuto, si era candidato. Peraltro all’ ingresso della zona Fiera c’ è stata una distribuzione di volantini del Codacons contenenti le richieste che l’ avvocato aveva inviato e che erano state respinte, e l’ annuncio della candidatura di Claut. A salire sul palco per chiedere il voto: Alvaro Astolfo, Nadia Feletto, Eridiana Mori, lo stesso Claut ed un socio che lo ha sostenuto. Avanzata anche la proposta di una diversa distribuzione dell’ utile di esercizio, che secondo alcuni avrebbe dovuto essere ripartito tra i soci. A ricordare che la Bcc è una banca cooperativa il cui fine non è la distribuzione di utili ma la messa a disposizione di servizi, è stato il presidente Pietro Roman. Lo spoglio delle schede ha confermato tutti i candidati proposti dal consiglio: Pietro Roman Pietro, Walter Lorenzon, Mauro Verona, Loris Paolo Rambaldini, Giuseppe Amadio, Alessandro Moro, Luisa Bressan, Giancarlo De Carlo, Giovanni Caretta, Giacinto Zanchetta, Mauro Manassero. Confermato anche il collegio sindacale con presidente Luigi Paggiaro e gli effettivi Renato Cinelli e Valerio Pellegrini.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox