6 Aprile 2019

Presidi, pioggia di ricorsi «Al Sud concorso “facile”»

`bocciature di massa in veneto e friuli dove le regole erano diverse e più severe `dal nordest azione collettiva al tar il codacons: disparità di trattamento
IL CASO VENEZIA In alcune regioni le leggi sono state rese disponibili solo attraverso i codici, ed è il caso del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, in altre – specialmente nel Sud – c’ è stata maggiore libertà e così alla prova scritta sono circolati anche i manuali che contengono le leggi, ma pure molto altro. Sembra non esserci pace per il concorso dei dirigenti scolastici che si sta svolgendo in questi mesi. Dopo le bocciature agli scritti iniziano i ricorsi in Veneto e Friuli Venezia Giulia, appellandosi prima di tutto alle scelte disomogenee sul territorio nazionale in merito alla possibilità di consultazione dei testi di legge, ma denunciando poi l’ inadeguatezza del programma informatico e la non simultaneità della selezione. Queste le principali istanze contenute nei ricorsi collettivi davanti al Tar intrapresi dai docenti che hanno partecipato al concorso per presidi e che non sono riusciti a superare lo scritto. Una prova che ha registrato la bocciatura del 60% dei candidati in Veneto e del 50% in Friuli. Una selezione, quella iniziata la scorsa estate, che aveva fatto una strage già nei test-preselettivi dello scorso 23 luglio, quando furono respinti il 62% dei candidati veneti e il 55% dei friulani. Tagli su tagli e alla fine gli ammessi alle prove orali sono 253 aspiranti presidi in Veneto e 74 in Friuli. Numeri nemmeno sufficienti a coprire il fabbisogno di queste due regioni che hanno la metà delle scuole senza dirigente. I RICORSI Molti dei respinti però contestano le bocciature, da qui i ricorsi collettivi promossi dal Codacons a tutela degli esclusi dal concorso per dirigenti scolastici. Un’ azione intrapresa a livello nazionale e che coinvolge le regioni del Nordest dove le indicazioni fornite dalle commissioni sono state più restrittive rispetto ad altre regioni d’ Italia. Alla base dell’ iniziativa ci sarebbero «una serie di irregolarità – spiegano in una nota i ricorrenti – durante lo svolgimento della prova scritta che hanno di fatto danneggiato i partecipanti». A partire dalle decisione diverse da regione a regione sulla possibilità di consultazione dei testi di legge: in alcune regioni, tra cui il Veneto, gli Uffici scolastici regionali hanno dato indicazioni precise su come e dove poter consultare i testi di legge, mentre in altre regioni sono state riscontrate condotte improntate alla libera iniziativa degli addetti alla vigilanza. «Le leggi possono essere consultate, ma una cosa è farlo attraverso i codici che sono ammessi e altra utilizzando i manuali – spiega Franco Conte, referente veneto del Codacons – quindi se i comportamenti sono stati discordanti si possono creare margini di illegittimità». DUE PESI DUE MISURE I ricorrenti poi si appellano all’ inadeguatezza del software informatico che non aveva la funzione automatica di salvataggio, come avviene in un normale programma di scrittura. Questo ha comportato la perdita di risposte e molti candidati hanno fatto verbalizzare quanto accaduto al momento della consegna delle prove. Infine sostengono che la prova scritta non è stata unica a livello nazionale, contrariamente a quanto previsto dal bando, «creando disparità di trattamento ai danni di quanti hanno svolto prima le prove scritte». Il Tar del Lazio precisa il Codacons «si è già pronunciato in casi analoghi, accogliendo le ragioni dei ricorrenti». Per questo gli esclusi dal concorso si stanno organizzando in un ricorso collettivo al Tar finalizzato a impugnare il decreto Dipartimentale del Ministero dell’ Istruzione, dell’ Università e della Ricerca 395 del 27 marzo 2019, recante l’ elenco dei candidati ammessi a sostenere la prova orale del corso-concorso nazionale per titoli ed esami finalizzato al reclutamento di dirigenti scolastici presso le istituzioni scolastiche statali. Gli interessati hanno tempo fino al 10 maggio per aderire al ricorso collettivo. © RIPRODUZIONE RISERVATA.
raffaella ianuale

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox