13 Ottobre 2017

Il prefetto convoca tutti e riceve rassicurazioni «Già ripulito il serbatoio»

Luana Costa Convocazione d’ urgenza ieri in Prefettura per il Comune e la Sorical dopo l’ esposto presentato in Procura dal Codacons per il divieto imposto con ordinanza sindacale di utilizzare l’ acqua nel quartiere Santa Maria perché non potabile. Obiettivo del prefetto Maria Luisa Latella era accertare la reale gravità della situazione dopo i prelievi effettuati dall’ Asp risultati positivi al parametro microbiologico dei coliformi e che ha obbligato Palazzo De Nobili a vietare l’ uso ai residenti, prescrivendo alla Sorical la pulizia del serbatoio situato nel quartiere in via Solferino. Da quanto emerso al termine del faccia a faccia la situazione al momento sarebbe sotto controllo, visto che il campione di acque prelevato dall’ Asp nella fontana pubblica in piazza Procopio non è risultato contaminato da batteri di escherichia coli di provenienza fognaria ma da residui inerti. Da quanto è stato possibile ricostruire il serbatoio con cui si approvvigiona d’ acqua il quartiere a sud della città è andato in depressione svuotandosi completamente. I residui presenti sul fondo sarebbero così entrati nelle condutture determinando un’ alterazione dei parametri microbiologici. La circostanza, non comunicata tempestivamente da Sorical al Comune, ha fatto così esplodere il caso arrivato prima in Procura e ieri mattina in Prefettura. I tecnici della Sorical già nella giornata di ieri hanno provveduto ad effettuare la pulizia del serbatoio disponendo un nuovo campionamento delle acque, sia alla fontana pubblica che all’ interno della cisterna. Soltanto oggi si avrà però l’ esito delle nuove analisi. Sotto il profilo istituzionale pare però che l’ allarme sia ormai rientrato dal momento che nel corso dell’ incontro in Prefettura, i rappresentanti di Sorical hanno fornito ampie rassicurazioni al prefetto sull’ eccessiva enfatizzazione del caso. La rappresentante governativa ha poi chiesto di essere informata sull’ emergenza idrica scoppiata nel centro storico. Da due giorni gran parte delle abitazioni nel centro cittadino non sono più approvvigionate d’ acqua e bisognerà attendere almeno fino a domani per una normalizzazione della fornitura. Il problema in realtà non è nuovo in città ed è determinato da un acquedotto ormai fatiscente soggetto a continue perdite. Soltanto ieri mattina, oltre alla principale rottura della conduttura individuata tra via Daniele e via Buccarelli, erano al lavoro altre due squadre di operai per effettuare ulteriori riparazioni sulla rete idrica. Una individuata sulla condotta a servizio del serbatoio di Fondachello che ha imposto la sospensione dell’ erogazione in diverse aree del quartiere Sala e un’ altra sulla strada provinciale per Gimigliano nelle vicinanze del quartiere Gagliano. Sono infatti divenuti ormai quotidiani gli interventi sulla rete idrica in ogni parte della città. La ditta incaricata della manutenzione registra almeno due o tre rotture nelle tubature ogni giorno, circostanza che comporta un’ ingente dispersione d’ acqua.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox