4 settembre 2017

PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE: CHIEDI UN INDENNIZZO A LOCAUTO E MAGGIORE

Se sei stato cliente Locauto e/o Maggiore ci sono novità significative: le due società di autonoleggio sono state sanzionate dall’Antitrust per aver attuato delle condotte “aggressive”, e adesso per i consumatori coinvolti si apre la prospettiva di ottenere un rimborso e un indennizzo per il disagio subito.

I FATTI

Lo scorso 4 agosto l’Autorità Garante per la concorrenza ed il mercato ha sanzionato, rispettivamente per 1 milione e 700.000 euro, le società Locauto Rent S.p.A. e Maggiore Rent S.p.A. La ragione? Le aziende attuavano pratiche commerciali scorrette: facendo leva sulla necessità di corrispondere un deposito cauzionale elevato, di cui il consumatore veniva informato solo al desk per il noleggio o al momento del ritiro dell’autovettura già prenotata, inducevano quest’ultimo all’acquisto di servizi assicurativi accessori. Questi, limitando la responsabilità per danni e/o furto dell’autovettura noleggiata, riducevano se non eliminavano la necessità del deposito stesso.

IL DEPOSITO CAUZIONALE

In particolare, è stato accertato che, nei casi in esame, il deposito cauzionale richiesto risultava particolarmente elevato, così da esaurire la disponibilità della carta di credito del consumatore (in alcuni casi, fino a superare la soglia di disponibilità), condizionando indebitamente i consumatori nella scelta circa l’acquisto dei prodotti accessori, proprio per ridurre il blocco applicato sulla carta di credito. Peraltro il consumatore già forniva una garanzia per le franchigie danni e furto alle autovetture al momento del noleggio, mediante la sottoscrizione della specifica clausola c.d. “delayed charge”, che autorizza appunto le imprese a prelevare tali somme dalle carte di credito dei clienti.

Infine, la società Locauto Rent S.p.A., è stata sanzionata per un’ulteriore pratica commerciale scorretta: ha addebitato ad alcuni clienti danni alle autovetture preesistenti ed erroneamente verificati al momento della riconsegna, con conseguente automatico addebito delle somme attraverso la carta di credito data in garanzia.

L’INIZIATIVA CODACONS

Alla luce di quanto sopra, è indispensabile l’intervento del Codacons.

L’Associazione mette a disposizione dei consumatori/utenti interessati una diffida: con questo atto è possibile chiedere alla società in questione le restituzione del deposito cauzionale illegittimamente versato oltre all’indennizzo per il disagio subito a causa della condotta aggressiva accertata dall’Antitrust (euro 500,00), ponendo un termine per l’adempimento a 15 giorni dal ricevimento della diffida stessa.

PER ADERIRE

Per aderire a questa iniziativa clicca qui.

L’iscrizione avviene tramite l’invio di un SMS al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2017 al costo onnicomprensivo di € 2,03, di cui una parte destinata:

  • alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma;

  • all’Istituto Internazionale di Scienze Mediche Antropologiche e Sociali I.I.S.M.A.S. www.iismas.it attivo nel campo della ricerca medica a favore delle popolazioni più povere dell’Africa, dell’America Latina e del Sud-Est asiatico.