fbpx
21 Aprile 2019

Pranzo di Pasqua in casa per 2 italiani su 3 Per imbandire le tauole spesa di 1,2 miliardi

Il 65 per cento degli italiani ha deciso di consumare a casa propria o di parenti e amici il tradizionale pranzo di Pasqua per il quale è stimata una spesa media di quasi 70 euro a famiglia. E’ quanto emerge dall’ analisi Coldiretti/Ixè “La Pasqua 2019 degli italiani a tavola”. Se 2 italiani su 3 hanno scelto le mura domestiche, non manca chi preferisce il ristorante o l’ agriturismo, dove si stimano 350mila persone a tavola. In media su ogni tavola di Pasqua ci saranno 8 persone, che nella stragrande maggioranza dei casi (80%) consumeranno un menù tradizionale con piatti tipici regionali, ma ci sarà anche un 5% che si mantiene a dieta in vista dell’ estate e un 3% che mangia ve gano o vegetariano. Da Nord a Sud le ricette della Pasqua caratterizzano l’ intero Paese. L’ alimento più rappresentativo della tradizione pasquale per la maggioranza degli italiani resta la carne d’ agnello, che viene servita in oltre la metà delle tavole (51%) nelle case, nei ristoranti e negli agriturismi. Tra i dolci, sulle tavole degli italiani sono immancabili la colomba, che è scelta dal 70% delle famiglie a pari merito con l’ uovo di cioccolato, e quest’ anno si assiste alla riscossa delle specialità regionali preparate in casa in quasi sei famiglie su dieci (59%). Si tratta di dolci caratterizzati spesso da sapori forti che hanno le uova tra gli ingredienti principali. Occorrono due giorni di tempo, per esempio, per preparare in Ciociaria, nel Lazio, la morbida pigna pasquale. In Toscana invece regna sovrana la schiacciata pisana, che è un pane dolce dall’ aroma di anice che viene accompagnato dal vin santo tipico della regione. In Umbria immancabile a Pasqua la ciaramicola, un dolce tipico con alcher mes, meringa e zuccherini colorati. Sfiora quota 1,2 miliardi di euro la spesa che affronteranno gli italiani per imbandire le tavole in occasione della festa. Lo sostiene il Codacons, che ha elaborato il consueto studio sui consumi delle famiglie. La spesa per cibi e bevande appare complessivamente in lieve aumento rispetto allo scorso anno, spiega l’ associazio ne. Si preparano ad arrivare sulle tavole degli italiani circa 400 milioni di uova fresche, più di 13.000 tonnellate di salumi e insaccati, mentre per la carne di agnello si stima un consumo di circa 5.000 tonnellate. In controtendenza, invece, l’ acquisto di dolci industriali, che appare in calo rispetto al 2018: in base alle stime del Codacons, saranno circa 31 milioni le uova di cioccolato consumate e 25 milioni le colombe, per una spesa complessiva di circa 400 milioni di euro solo per i dolciumi. In particolare, per le colombe confezionate si registra quest’ anno una flessione degli acquisti di circa il -5%, determinata, come già scritto, dalla tendenza sempre più marcata delle famiglie a realizzare dolci fatti in casa, riscoprendo ricette tradizionali e piatti del territorio. Ma.C.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox