10 luglio 2018

Porto, la protesta investe la politica

`centinaia di lavoratori davanti al comune per la riunione del tavolo sul lavoro, convocato dal sindaco cozzolino `risposta negativa da enel sul bando per lo scarico del carbone critiche a unindustria e il centrodestra si spacca sulle tutele
LA VERTENZA All’ appuntamento sotto palazzo del Pincio, mentre in Comune era in corso la riunione fiume alle quale erano presenti tutti i rappresentanti istituzionali del territorio, c’ erano centinaia di lavoratori. Negli uffici, in formula bipartisan, anche il vicepresidente della Regione, Massimiliano Smeriglio, i vertici Enel, i sindacati conferedali e di categoria, la segretaria dell’ Autorithy, Roberta Macii accompagnata dal dirigente Lelio Matteuzzi; stigmatizzata dai lavoratori l’ assenza del presidente Francesco Maria di Majo. Al palazzo del Pincio, alle 18, si è riunito il Tavolo sul lavoro convocato dal sindaco Antonio Cozzolino e dal delegato alla Portualità, Francesco Fortunato. A manifestare a fianco ai lavoratori di Minosse e Cpa, anche ieri tornati a chiedere il ritiro del bando di gara per lo scarico del carbone, esponenti politici locali e non, da Potere al Pololo alla Lega. In attesa di sapere l’ esito del tavolo, la cosiddetta guerra del carbone continua a far parlare dividendo l’ opinione pubblica e, soprattutto, la politica. La responsabile Porti e logistica del Codacons, Sabrina De Paolis, interviene non giudicando «chiari i termini del bando, che si può ipotizzare in contrasto con la legge 84/94»; per questo ha interessato la direzione generale porti del ministero delle Infrastrutture. Non si è fatta invece attendere la replica dei lavoratori di Minosse a Unindustria, che con il presidente della sezione civitavecchiese Stefano Cenci, pur auspicando una distensione dei toni, ribadiva la bontà dei bandi di gara, come quello fatto dall’ Enel per il carbone. «Ci sentiamo presi in giro, come associati da Unindustria. Capiamo che Enel sia molto forte scrivono i lavoratori ma il presidente Cenci dovrebbe rappresentare le istanze di tutti i suoi associati. Unicadifesa ricevuta, quella dell’ Associazione imprese portuali, alla quale ci affilieremo la prossima settimana se non ci sarà una presa di posizione chiara dai vertici di Unindustria». Strappo anche all’ interno del centro destra dove a prendere le distanze dal comunicato del coordinatore azzurro Roberto D’ Ottavio, è stato – prima in una nota su Facebbok – l’ ex candidato a sindaco Andrea D’ Angelo, sceso in campo a fianco dei portuali; poi il fratello, candidato alle recenti regionali con Fratelli d’ Italia, Stefano D’ Angelo. «Mi auguro che le idee superficiali espresse sul documento non siano frutto della condivisione di tutto il centrodestra. Le aziende dice l’ imprenditore e politico dovrebbero essere tutte tutelate al di là del colore politico, tanto più quando si tratta della riconversione a carbone di Tvn che, come da convenzione, avrebbe dovuto tutelare tutta l’ imprenditoria locale». Cristina Gazzellini © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this