9 Gennaio 2020

Ponte di Annone, udienza preliminare «Adesso giustizia»

A tre anni e due mesi dal crollo del ponte di Annone Brianza, avvenuto il 28 ottobre 2016 e costato la vita a Claudio Bertini, la cui auto rimase schiacciata dal manufatto crollato sotto il peso di un tir, ieri mattina in tribunale a Lecco ha preso il via l’ iter processuale. Il giudice Paolo Salvatore ha presieduto l’ udienza preliminare per decidere il rinvio a giudizio dei cinque tra dirigenti, funzionari e professionisti delle province di Lecco e Bergamo e di Anas accusati di disastro e omicidio colposo. Ammessi quale parte civile gli eredi della vittima, i quattro feriti sopravvissuti al crollo, le stesse amministrazioni provinciali di Lecco e Bergamo, l’ ente strade e il Codacons. «Dopo un’ attesa così lunga ora mi aspetto che i tempi siano più celeri. Devono dirmi chi è il responsabile della morte di mio marito», le parole di Augusta Brusadelli, vedova Bertini, presente in aula. L’ udienza è stata aggiornata all’ 11 marzo.
ba. ger.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox