2 Dicembre 2002

Pochi acquisti nella prima domenica di shopping natalizio

Pochi acquisti nella prima domenica di shopping natalizio

I consumatori: abbassare i prezzi

ROMA ?- Un appello ai commercianti «a ribassare i prezzi ed iniziare i saldi prima delle feste di Natale, anche disobbedendo alle regolamentazioni comunali, se si vuole evitare nel 2003 una stagnazione degli acquisti e dei consumi in una recessione senza precedenti», è stato lanciato ieri da Intesa, il ?cartello? delle Associazioni dei consumatori. Aoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori ieri – secondo quanto riferisce un comunicato – in occasione della prima domenica di shopping natalizio, hanno sguinzagliato i loro attivisti nelle grandi città per verificare le previsioni fatte sulla diminuzione dello shopping natalizio. «E le previsioni – spiegano – hanno trovato puntuale conferma: tanta gente per strada, tanta gente nei negozi, ma pochi svogliati acquisti. Come si prevedeva il massacro dell`euro e i prezzi aumentati rispetto al Natale dell`anno scorso di oltre il 20%, hanno creato sfiducia nei consumatori che, preoccupati di essere imbrogliati e con i portafogli già semivuoti nonostante l`imminente arrivo della tredicesima, già impegnata per acquisti più essenziali, hanno preferito rinunciare alle compere». L`assenza di gente alle casse dei negozi «verificata in tutte le grandi città, dal nord al sud, è un segno – secondo Intesa – che deve convincere il governo ad interventi decisi per calmierare i prezzi e le tariffe pubbliche, e i commercianti ad una politica diversa ideata e realizzata insieme ai consumatori e non contro di loro».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox