2 Giugno 2004

«Pista inopportuna e pericolosa»

«Pista inopportuna e pericolosa»Sollecitato l`intervento del sindaco contro i novelli “Robin Hood“


La pista ciclabile in fase di realizzazione lungo Viale Isonzo non smette di provocare indignazione, mentre l`Amministrazione comunale rimane sorda ed indifferente alle proteste e, soprattutto, alle argomentazioni poste a fondamento delle lamentele dei cittadini. Argomentazioni portate avanti ancora una volta attraverso le colonne del Quotidiano dall`avvocato Francesco Di Lieto, del Codacons, secondo il qaule la realizzazione della pista comporta un notevole restringimento della carreggiata e, «se pensiamo a tutti gli incidenti che si verificano lungo quel tratto viario – osserva il legale – salta agli occhi l`irresponsabilità di chi ha pensato a quell`opera».
Il responsabile del Codacons sottolinea ancora come in questi giorni assistiamo «a mirabili dichiarazioni d`intento di esponenti politici sulla viabilità a Catanzaro, un continuo stracciarsi le vesti in favore del bene comune?verrebbe da chiedersi, su quale pianeta vivevano, fino a qualche giorno addietro, tali individui. La vicenda è paradossale, infatti, in questo periodo abbiamo letto, niente di meno, di un esponente della maggioranza, talmente infuriato per la mancata realizzazione di un sottopasso, da dichiararsi ­ udite, udite – disponibile a scendere in piazza per protestare. Sarebbe opportuno – continua l`avvocato Di Lieto – che puntualizzasse contro chi intende protestare e dove si trovava negli ultimi anni invece di sedere sui banchi della maggioranza. Se non fosse che il buon consigliere è candidato alle prossime elezioni provinciali e quindi siamo dinnanzi alle solite dichiarazioni tese, esclusivamente, a recuperare qualche voto».
Il Codacons, quindi, fa sapere di avere istituito un premio, il “Pinocchio d`oro“, che sarà assegnato al candidato che durante la campagna elettorale sparerà la bufala più grossa. Al momento il noto consigliere risulta essere in testa alla speciale classifica.
Da qui l`appello lanciato al sindaco Sergio Abramo di rendere noti i nomi dei responsbaili dell`opera “incriminata“, con un intervento chiarificatore «dinnanzi a questi novelli Robin Hood, che si indignano soltanto in campagna elettorale. Ci dica il primo cittadino – esordisce ancora Francesco Di Lieto – perché, lui e l`intera maggioranza, sono rimasti sordi alle proteste di quel suo consigliere».
E tornando alla pista ciclabile, il Codacons chiede al primo cittadino di dare esempio di buon senso, fermando quei lavori di restringimento della sede viaria.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox