29 Giugno 2017

Pioggia di richieste di parte civile Oltre ai parenti anche il Codacons

L’ inchiesta “Angeli e demoni” ha sconvolto e gettato ombre inquietanti sull’ ambiente della sanità varesina, gettando nell’ occhio del ciclone il pronto soccorso dell’ ospedale di Saronno, con accuse pesanti da verificare e fino alle eventuali condanne non si possono che esprimere dubbi e sospetti. In ballo dunque c’ è anche la credibilità di una struttura e dei suoi dipendenti, danneggiati pesantemente sebbene estranei alla vicenda. Ecco perché nel processo che verrà istruito a fronte dell’ eventuale rinvio a giudizio degli imputati, fioccano le richieste di costituzione di parte civile. Da parte di Regione Lombardia, innanzitutto, ma anche dell’ azienda ospedaliera stessa, vale a dire quella di Busto Arsizio. In prima linea, come è logico, anche i familiari delle presunte vittime ma anche diverse associazioni tra cui anche il Codacons. «Da anni ci battiamo a tutela dei malati contro la malasanità – spiegano proprio da quest’ ultima associazione – Se saranno confermate le accuse, ci troveremmo di fronte ad un evidente danno per i cittadini. In tal senso il Codacons, in qualità di parte lesa, ha deciso di costituirsi parte civile all’ udienza preliminare». P. Vac.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox