4 Novembre 2009

Pinocchio record batte il concorrente Grande Fratello

 

Roma.  «Pinocchio» batte il Grande Fratello10 ma scende negli ascolti: questo il risultato del prime time di lunedì sera. La fiction su Raiuno ha infatti ottenuto il 26,39% di share con 7.484mila spettatori, mentre il reality su Canale 5 ha raggiunto il 24,78% di share e 5.535mila persone.
La puntata di lunedì di Pinocchio era la seconda, la prima invece – trasmessa domenica sera – aveva ottenuto 7.723 mila spettatori (31,79%). L’esordio di Grande Fratello 10,lunedì scorso, aveva raggiunto 6.047mila e il 30.87% di share.
«Mai dire Grande Fratello» della Gialappa’s al suo esordio su Canale 5 ha avuto il 32,82% di share e 2.156mila spettatori.
La miniserie di Alberto Sironi Pinocchio, tratta dal romanzo di Carlo Collodi nella media delle due puntate è al top della fiction 2009. E, più in generale tra gli ascolti 2009, è al top dopo il Festival di Sanremo e le partite di qualificazione della nazionale di calcio.
«Vuoi vedere che davvero sta cambiando qualcosa in questo Paese? È significativo che una storia per bambini come "Pinocchio" abbia battuto il "Grande Fratello", ed è ancor più significativo che ciò sia avvenuto il lunedì dopo le 21 quando il pubblico di riferimento è in prevalenza adulto». Lo afferma Luca Borgomeo, presidente dell’associazione di telespettatori cattolici Aiart. «I valori, una storia ben raccontata possono avere la meglio sul nulla del "Grande Fratello". "Pinocchio" è piaciuto ai bimbi ma soprattutto ai loro genitori – continua Borgomeo -. Non è vero che i telespettatori subiscono passivamente, e il servizio pubblico ha il dovere di proporre qualità».
«Siamo convinti che la tv debba rappresentare tutte le storie anche diverse e a tinte forti, ma siamo contrari alla spettacolarizzazione e strumentalizzazione di drammi personali»: dice il Codacons invece dopo la puntata di lunedì del Grande Fratello, in cui è entrato un concorrente nato donna e diventato uomo.
«Va benissimo la presenza di un trans in tv, ma non crediamo che il palcoscenico del Grande Fratello sia adatto a raccontare e spiegare una storia così forte – dice Carlo Rienzi – Gli autori del Grande Fratello hanno cercato di portare nella casa personaggi e situazioni al limite, allo scopo di mantenere alta l’audience di un format diventato monotono e ripetitivo. Così facendo però – conclude Rienzi – si rischia di strumentalizzare drammi o storie che andrebbero raccontate in contesti ben diversi dagli eccessi forzati del Grande Fratello.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox