11 Aprile 2020

PIEMONTE, CORONAVIRUS: SU MEDICI MORTI PER MANCANZA MASCHERINE REGIONE PIEMONTE DECLINA OGNI RESPONSABILITA’

     

    ECCO COSA SCRIVONO GLI AVVOCATI DELLA REGIONE PER DIFENDERSI DAL RICORSO CODACONS AL TRIBUNALE DI TORINO

    SE I SANITARI MUOIONO PER MANCANZA DI PRESIDI LA COLPA SEMMAI E’ DELLA ASL O DEI LORO DATORI DI LAVORO. CODACONS PUBBLICA SUL WEB L’ASSURDA MEMORIA DIFENSIVA DELLA REGIONE

    La Regione Piemonte declina ogni responsabilità in merito a medici e sanitari deceduti a causa della mancanza di mascherine, tamponi e presidi contro il coronavirus, e la colpa di tali decessi è da attribuire alle Asl o ai datori di lavoro di medici e infermieri. Questa, in sintesi, l’assurda tesi contenuta nella memoria difensiva della Regione Piemonte presentata al Tribunale di Torino (giudice dott. Guglielmo Rende) nell’ambito del ricorso promosso dal Codacons e volto ad obbligare l’amministrazione a fornire al personale sanitario i necessari strumenti per evitare il contagio. Si legge nella memoria:
    Questo significa che, nella nostra fattispecie, l’eventuale previsione dell’obbligo a carico della Regione di sottoporre al tampone tutto il personale sanitario (peraltro, da essa non dipendente) coinvolto nella gestione dell’emergenza Covid 19 potrebbe essere disposta soltanto con una legge statale” SIC!!
    E per giustificare le proprie omissioni sul punto ancora scrive: “Da ultimo il Ministero della Salute, con la circolare 3.4.2020, n. 0011715 (doc. 7), ha parzialmente modificato le proprie indicazioni, stabilendo che “l’esecuzione dei test va assicurata agli operatori sanitari e assimilati a maggior rischio, sulla base di una sua definizione operata dalle aziende sanitarie, tenute ad effettuarla quali datori di lavoro. Dunque, sulla base di questa indicazione, i sanitari dovrebbero essere sottoposti a tampone a prescindere dalla circostanza di essere sintomatici oppure no. Fermo ciò, sta però di fatto che lo stesso Ministero (sempre nella circolare 3.4.2020) ha comunque ribadito che – nella scala di priorità per l’esecuzione del test – è necessario in ogni caso dare la precedenza ai pazienti sintomatici (i quali debbono quindi essere sottoposti a tampone con priorità rispetto a tutti gli altri soggetti, compresi i sanitari).”
    Quindi, secondo la ineffabile difesa regionale, i tamponi si fanno solo ai medici e infermieri che presentano sintomi gravi. Una tesi assurda e dannosissima che sarà sottoposta alla Procura della Repubblica di Torino cui già è stata inviata una precisa denuncia per concorso in omicidio colposo plurimo per la strage di anziani in Piemonte. Ma non finisce qui. Più avanti nel monumentale atto difensivo si legge:
    “Ferma dunque l’inesistenza di alcun obbligo per le Regioni di effettuare, esse, tamponi al personale sanitario.” Quanto alle associazioni di volontariato che sostituiscono le inefficienze dello Stato esse sono nullità assolute senza alcun diritto di tutelare il personale sanitario in quanto i medici sono carne da macello e non cittadini o utenti. Si legge al riguardo nelle difese della Regione:
    Poiché – come si è detto sopra – la “collettività” e le “categorie di cittadini” per la cui tutela l’Associazione ricorrente dichiara di agire (ossia il “personale sanitario”, il “personale tenuto al controllo della normativa e della sicurezza” e “tutti coloro con cui tali soggetti vengono a contatto”: v. pag. 7, 22, 26 e 27 del ricorso) non possono essere ricondotte in alcuna delle due suddette categorie (“consumatori ed utenti”, come definiti dall’art. 3 del d.lgs. 206/2005), il Codacons – per sua espressa previsione statutaria – non è legittimato ad agire in giudizio a tutela della posizione giuridica di tali soggetti (v. ancora T.A.R. Lazio – Roma, Sez. III-quater, ordinanza 21.5.2013, n. 2017).”
    AMEN! La parola passa ora al Tribunale di Torino.
    Il testo integrale della difesa della regione è pubblicato sul sito www.codacons.it.

     

    Costituzione Regione Piemonte
    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox