30 Maggio 2005

PIANO EMERGENZA CALDO: NON BASTA FARE PREVISIONI METEROLOGICHE

STOP ALLE FERIE DEI MEDICI NEI MESI CRITICI IL MINISTRO DELLA SALUTE DEVE INTERVENIRE CON DIRETTIVE PRECISE







Del tutto insufficiente quanto annunciato oggi dal Dipartimento di Protezione Civile per affrontare l`emergenza caldo. E` di tutta evidenza che un piano serio non può limitarsi a fare delle previsioni meteorologiche sulle ondate di calore. Per questo basta seguire in tv i successori di Edmondo Bernacca! Tutta la strategia per evitare i 7.659 decessi del 2003 si limita a prevedere l`ondata di calore e poi, come dichiarato da Marta Di Gennaro, direttore generale della Sanità della Protezione Civile, “in questo caso sarà attivata una rete informativa a livello locale“. Già bella idea, ma per fare cosa? Informare, come dice la Di Gennaro, “enti locali, ospedali e case di cura, case di riposo per anziani, Asl, organizzazioni di volontariato, medici e stampa“ va certo bene, ma poi? I Comuni, una volta avvisati del caldo, che faranno? Niente! Come sempre! Chi impedirà ai medici degli ospedali, a quelli di famiglia e al personale sanitario delle case di cura di andarsene in ferie nei momenti critici? Nessuno! Ogni anno i reparti degli ospedali vengono smobilitati nei mesi estivi e chiudono i battenti. Chi ordinerà ai medici di famiglia di andare periodicamente a visitare gli anziani a rischio, anche se non chiamati?

Il Codacons chiede al ministro Storace di emanare precise direttive in tal senso, per esempio ordinando ai direttori sanitari delle Asl di controllare le liste delle ferie dei medici di famiglia e del personale medico e infermieristico perché ci siano opportune rotazioni e non si smobiliti il Servizio Sanitario Nazionale nei momenti critici.


Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox