20 Marzo 2014

Piano Cottarelli tra tagli e revisioni. I pareri dei Consumatori

Piano Cottarelli tra tagli e revisioni. I pareri dei Consumatori

 

Continua a far parlare di sé il piano presentato dal commissario alla spending review Carlo Cottarelli. Se per Pietro Giordano, segretario generale Adiconsum , si tratta di un piano “convincente” per l’ entità dei tagli individuati, per il Codacons il commissario avrebbe potuto fare di più. “Sui costi della politica, ad esempio, si è fatto troppo poco – scrive l’ associazione presieduta da Carlo Rienzi – Poco sulle consulenze, sulle partecipate degli enti locali (abolendo ad esempio i consigli di amministrazione e sostituendoli con un amministratore unico), sugli enti inutili, non si è proposta l’ abolizione delle comunità montane o dei gettoni di presenza dei consiglieri comunali, non si è proposto il rafforzamento dei poteri della Corte dei Conti e delle autorità di controllo ecc ecc”. Per altro verso Cottarelli, invece, abbonda, confondendo la lotta agli sprechi e alle spese improduttive o l’ aumento dell’ efficienza dei servizi, con il taglio ai servizi sociali e all’ assistenza. Per il Codacons è inaccettabile, ad esempio, anche solo immaginare un taglio alle pensioni di guerra, di reversibilità o di invalidità. Il ministro del Welfare, Giuliano Poletti, ha assicurato oggi che è previsto solo “un intervento contro gli abusi delle false pensioni di invalidità”. Dato che nessuno in Italia è favorevole ai falsi invalidi, ovvio che la frase sia condivisibile. Peccato che questa dichiarazione, già sentita da venti anni a questa parte , abbia sempre nascosto un progressivo giro di vite su chi sia invalido e chi no ed una riduzione della platea degli aventi diritto, pur se bisognosi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox