24 Febbraio 2014

Petrolio e territorio: tra problemi e speranze

Petrolio e territorio: tra problemi e speranze

LAGONEGRO- «Tra un po’ inizieranno ad effettuare perforazioni di sondaggio anche a Lagonegro, secondo le agevolazioni alle compagnie petrolifere previste dalla concessione Tardiano del2013, perché ilpetrolio c’ è anche qui; ce ne sono milioni di barili tra Montesano e Buonabitacolo, in Campania, e Moliterno, Sarconi, Spinoso, Castel Saraceno, Grumento e Tramutola in Basilicata. Con queste parole di Peppino Frezza ha aperto l’ incontro organizzato dal Codacons che si è tenuto nei giorni scorsi presso il centro sociale di Lagonegro. Al centro del dibattito, cui hanno partecipato come relatori anche l’ avvocato Giuseppe Pugliese ed i professori Nicola Pongitore e Terenzio Bove, la presentazione del libro “Il Totem nero” dell’ antropologo Enzo Alliegro, che ha tracciato un excursus storico e socio-economico della storia del petrolio in Basilicata a cominciare dai primi progetti di estrazione a Tramutola, di fine Ottocento. «Mi chiedo cosa succede quando grandi multinazionali si scontrano conpopolazioni di territori poveri e arretrati – ha affermato il docente universitario- e quanta infelicità abbia causato il petrolio da queste parti, frustrando aspettative ed addirittura incrementando i tassi di emigrazione e spopolamento: bisogna costruire reti attive e solidali di cittadini che si occupino del problema delle risorse e ne impediscano lo sfruttamento indiscriminato, ad esclusivo vantaggio del capitale finanziario che sostiene in manierapalese ed occulta l’ industria petrolifera».
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox