fbpx
28 Giugno 2002

Pesaro, gita scolastica sotto accusa

CONTINUANO LE RICERCHE DEL BAMBINO INGHIOTTITO DAI FLUTTI

Pesaro, gita scolastica sotto accusa



PESARO ? Il mare non ha ancora restituito il corpo di Johan Fiaccarini, il bambino di 9 anni disperso l?altro ieri in mare durante una gita alla baia di Fiorenzuola di Focara, nel parco del Colle San Bartolo, e mentre la città di Urbino si chiude nel dolore per quell`escursione trasformatasi in tragedia con la morte di altre due persone – Gaia Zanfetti, sette anni, e l`attivista del Wwf Marisa Fornai, 58 – emergono i primi interrogativi sulla dinamica dell`episodio e le prime polemiche. Per il Codacons quelle di ieri erano «morti annunciate»: l`associazione dei consumatori denuncia da tempo la «pericolosità delle gite scolastiche e dei centri estivi» e chiede l`intervento diretto dei ministeri dell`Istruzione e dell`Interno, da cui dipendono gite e colonie, e pene più severe per gli accompagnatori.
«Quelle gite sono organizzate dal Centro di Educazione Ambientale del Comune di Urbino da tre anni con successo sempre crescente – commenta l`assessore all`Ambiente Giorgio Ubaldi – e finora non c`era stato mai nessun problema». Altri dubbi vengono sollevati dal fratello maggiore del piccola Johan, l`avvocato Baccio Fiaccarini. «Ci hanno raccontato prima una versione, poi un`altra – dice – e ancora perché facevano il bagno vicino alla scogliera, dove si formano risucchi e ingorghi?».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox