15 Luglio 2004

Pericolosità degli ombrelloni sulle spiagge: Attenzione agli ombrelloni che volano!

    Pericolosità degli ombrelloni sulle spiagge: Attenzione agli ombrelloni che volano!
     

    Sempre più incidenti sulle spiagge sono provocati da ombrelloni che si staccano dai loro supporti a causa del vento, precipitando sui bagnanti e provocando ferite anche serie.
    Tutto ciò succede perché molti stabilimenti balneari non rispettano le ordinanze delle Capitanerie di Porto che (in relazione al D.P.R. 574/1955 e successive modifiche ed integrazioni) sono molto chiare sulle caratteristiche che devono avere gli ombrelloni situati sugli arenili.
    La normativa, infatti, impone agli ombrelloni di avere un sicuro ancoraggio al terreno in modo da presentare resistenza allo strappo, nonché di avere applicato un apposito dispositivo tale da tenere solidali la parte superiore e quella inferiore. La parte terminale delle stecche deve essere munita di un puntale che, in relazione alla tipologia delle stesse, abbia caratteristiche di sicurezza pienamente rispondenti agli artt.351 e 373 – Titolo VIII, Materie e prodotti pericolosi e nocivi – del citato D.P.R. e cioè non deve essere pericoloso, quindi non tagliente, ed impiegato in modo da ridurre al minimo la pericolosità nella manipolazione.
    Se non c’e questo fondamentale ancoraggio alla base gli ombrelloni "non sono a norma"e, di conseguenza, altamente pericolosi.
    In caso di lesioni personali provocate da un ombrellone scalzato dal vento, perché non ancorato al terreno in maniera sicura, il bagnante può chiedere il risarcimento di tutti i danni subiti direttamente al gestore dello stabilimento, oggettivamente responsabile dell’evento, ricorrendo, secondo la gravità della lesione, al Giudice di Pace oppure al Tribunale.
    Al fine di prevenire, dunque, ogni tipo di incidente causato da "ombrelloni non sicuri" occorrono maggiori controlli sulla sicurezza degli ombrelloni negli stabilimenti balneari, da parte del Corpo delle Capitanerie di Porto, per verificare il rispetto delle ordinanze e per sanzionare i gestori che non si adeguano, secondo quanto previsto dal Codice della Navigazione e dai regolamenti Comunali, salvo che il fatto non configuri un più grave illecito e fatte salve le maggiori responsabilità derivanti dall’illecito commesso.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox