fbpx
29 Maggio 2017

Perdita dei dati accidentale o per virus

Ben ritrovati all’ appuntamento con “Lo Sportello Tecnologico CODA CONS. Prima di addentrarci in questo nuovo argomento vorrei definitivamente cancellare dal “Pianeta Terra” l’ idea ampiamente diffusa che i dati si perdono esclusivamente per colpa della scelta legata al sistema operativo impiegato, sia esso “MICROSOFT”, “APPLE” o “UNIX” e derivati o, ancor peggio, per la marca dell’ oggetto tecnologico acquistato, per non parlare della parola con cui si fa colazione al mattino i “VIRUS”! Cominciamo in modo ordinato ad affrontare tutti questi problemi per comprendere come prevenire per evitare di curare un “Malato” che potrebbe essere diventato incurabile! Come per le automobili, il vestiario, le carpe e tantissimi altri prodotti commerciali, il brand oltre ad essere sinonimo di moda spesso viene associato anche alla qualità, ma purtroppo quest’ affermazione è vera solo in talune circostanze e cioè quando il manufatto è un prodotto artigianale che viene garantito singolarmente, però nel campo tecnologico le cose vanno diversamente e solo raramente ogni prodotto venduto è curato e verificato in modo capillare. La maggior parte dei prodotti tecnologici tra cui ovviamente anche i computer è costituita da componenti che provengono da vari costruttori che sono specializzati in quel determinato settore e basterebbe già ciò per capire che un prodotto finito può essere difettoso per colpa di un solo componente elettrico o elettronico al suo interno. Senza essere troppo tecnici vi farò un ulteriore esempio. Quante volte avete fatto un dolce che è andato a male per colpa delle uova o di qualsiasi altro ingrediente che non era fresco? Quindi converrete con me che per colpa di un solo elemento di bassa qualità tutto il dolce sì è rovinato compromettendo la festa! Come avreste fatto per impedire tutto ciò? Ovviamente controllando tutti gli ingredienti, ma siete sicuri che sarebbe bastato? Secondo me NO! Perché a quanti non è capitato anche di bruciare la torta nel forno? Bando alle torte, ritorniamo al punto di partenza. Dovete sapere che anche in circostanze in cui i componenti sono stati selezionati, questi saranno assemblati e saldati su scheda elettronica il che espone suddetti a rischi di danneggiamento. Ecco perché esistono catene di montaggio d’ alta qualità che verificano e certificano il prodotto singolarmente con costi che inevitabilmente si riflettono sul prodotto finale; costi che ovviamente non sono di tipo pubblicitario ma in gegneristico. Quindi stabilito che la qualità cammina per strade molto variegate, bisognerebbe sapere cosa contiene al suo interno quel particolare tipo di computer e con questo non intendo il nome del componente elettrico ma il nome ed il tipo di scheda elettronica installata al suo interno. Un ulteriore esempio chiarirà meglio cosa intendo. Poiché stiamo parlando di perdita dei dati, la lente d’ ingrandimento dovrà focalizzarsi almeno su: “Alimentatore”, “Memorie” e “Hard Disk”. Questi ultimi due componenti sono quelli attraverso cui transitano e sono memorizzati i dati e sono responsabili della loro perdita; non ultimo, per importanza, il sistema di alimentazione citato e tante altre parti di cui per semplificazione farò omissione. Tenete presente che esistono hard disk con caratteristiche talmente scadenti che già a partire dal primo giorno acquistati siete su una mina pronta ad esplodere! Abbiamo testato tantissimi hard disk di vari costruttori e potremmo raccontarvene delle belle! Ma in sintesi posso dirvi che tra i vari prodotti di sicuro ne abbiamo identificato una classe che raggiunge 5 anni di garanzia con test di qualità molto elevati, ma purtroppo stranamente non sono venduti in alcun centro commerciale eppure il loro costo non è strabiliante ed avrebbe impedito al “Malato” di dare l’ ultimo respiro. Molti di voi penseranno d’ essere al sicuro perché hanno acquistato un Hard Disk esterno su porta usb, su cui ogni giorno depositano i propri dati ad uso magazzino per poi sperare che un giorno saranno nuovamente disponibili. Niente di più sbagliato, perché i dati “NON VANNO CONSERVATI SU HARD DISK o PENNE su porta USB” soggetti a trasporto, ma su sistemi ridondati, controllati in modo da garantire che l’ informazione sia ripetuta più volte. Per semplificare facciamo l’ esempio di una lettera, se questa la conservaste su un solo hard disk e quest’ ultimo si rompesse non avreste alcuna ridondanza, ma se aveste almeno un secondo hard disk ne avreste una copia aggiuntiva, solo che non dovreste essere voi ad effettuare le copie su più dischi, ma dovreste lasciarlo fare a sistemi più complessi su base “RAID” che effettuano controlli molto più approfonditi durante la copia di quelli che fareste voi con la semplice copia. Oggigiorno sono caratteristiche già presenti su tutti i computer in forma hardware o software e con pochi ritocchi è possibile elevarne la sicurezza con costi decisamente accessibili a tutte le tasche. Quindi ricapitolando, servono più hard disk collegati in modalità RAID e qualche backup da salvare su un disco in altro luogo per prevenire disastri di vario tipo tra cui la cancellazione involontaria dei files o il danneggiamento dovuto a cattivo alimentatore che potrebbe corrompere entrambi i dischi (evento rarissimo, ma se il disco fosse singolo sicuramente.) Beh tutto qui? No perché esistono casi in cui non per nostra volontà avviene la perdita dei dati e questo è il Potete contattare il CODACONS e lasciare un commento ai nostri articoli all’ indirizzo: codacons.campania@gmail.com I nostri esperti sono sempre a vostra disposizione. Non esitate a sottoporci quesiti o a raccontarci le vostre “disavventure”… Vi risponderemo, in maniera rapida ed esaustiva, sulle pagine di Cronache caso di VIRUS tra cui ultimamente ne avete sentito parlare in tv, quelli che addirittura vi chiedono il riscatto per restituirvi i dati, sono la famiglia dei RANSONWARE. Come esperto dello sportello tecnologico ho assistito in prima persona a danni dovuti a VIRUS ma se dovessi fare una scaletta dei danni e delle cause, credetemi la colpa è della mancanza di sicurezza dei componenti acquistati e molto più di rado, anche se fa più notizia, legata ai VIRUS informatici. L’ argomento avrà un seguito! Sappiate che potete far valere i Vs. diritti contattando “Il Codacons Campania Sportello Tecnologico” che oltre all’ esperienza decennale in materia di tecnologia, mette a disposizione dei propri iscritti un espertissimo ufficio legale. Donato Pace responsabile “Sportello Tecnologico Codacons” Contattateci allo 089 252433 Oppure su: codacons.campania@gmail.com.
donato pace

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox