20 Novembre 2012

PENSIONI: INPS, 7,2 MLN PENSIONATI SOTTO 1.000 EURO

    PENSIONI: INPS, 7,2 MLN PENSIONATI  SOTTO 1.000 EURO CODACONS: LE PENSIONI VANNO RIVALUTATE ALL’INFLAZIONE REALE

     

    BLOCCATE LA RIVALUTAZIONE SOLO DI CHI PRENDE PIU’ DI 55.000 EURO

    Secondo i dati resi noti oggi dall’Inps, oltre 7,2 milioni di pensionati Inps, pari al 52% del totale, ha un reddito pensionistico complessivo inferiore a 1.000 euro al mese.
    In pratica, salvo siano evasori che non hanno mai versato contributi, vivono di stenti e rinunce. Questo dato, però, non deve indurre a ritenere, come ha fatto il Governo Monti, che il 12,7% che riscuote pensioni comprese tra 1500 e 2000 euro mensili sia, quindi, ricco e non abbia la necessita di veder rivalutata la propria pensione.
    Aver bloccato le rivalutazioni delle pensioni sopra 1405 euro lorde, come se si trattasse di milionari, è a dir poco vergognoso, specie se poi si infiammano i prezzi con aumenti delle accise e dell’Iva.
    Senza contare che queste pensioni da fame dovrebbero essere adeguate al reale aumento del costo della vita dei pensionati e non aggiornate all’inflazione media delle famiglie italiane, considerato che un pensionato ha molte più spese obbligate rispetto agli altri e concentra la gran parte delle spese in alimentari e abitazione (acqua, elettricità….). Dal 2002 ad oggi i pensionati hanno avuto un’inflazione almeno doppia rispetto a quella ufficiale, perdendo sempre più potere d’acquisto.
    Ecco perché il Governo dovrebbe smetterla di voler risanare i conti pubblici intervenendo sempre sulle pensioni, salvo si tratti realmente di benestanti che guadagnano oltre la penultima aliquota Irpef, ossia oltre 55.000 euro. Solo per loro si può immaginare un parziale blocco della rivalutazione della pensione e non certo, come pensa di fare in futuro il Governo Monti, per chi prende 2900 euro lorde al mese, ossia 6 volte il minimo.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox