3 Novembre 2010

Pendolari sotto la pioggia a Quarto

QUARTO D’ ALTINO. Con il freddo e la pioggia, la mancanza delle pensiline per proteggere i pendolari che ogni giorno si recano in stazione, si fa ancora più sentire. E quest’ anno la brutta stagione è iniziata presto. In questi giorni di pioggia chi deve prendere il treno per andare a scuola, all’ università o per arrivare sul posto di lavoro, deve rimanere schiacciato all’ interno del sottopasso, per ripararsi dal vento e dalle gocce di pioggia. Altrimenti si può andare al binario, esposti però alle intemperie. Da tempo gli utenti della stazione chiedono che vengano installate delle pensiline per ripararsi dalle condizioni metereologiche avverse, anche perché la stanza dove si possono fare i biglietti dalla macchina automatica, può contenere qualche persona, non di più. «Anche per quest’ anno niente da fare – spiega il portavoce del Codacons e pendolare Luciano Ferro – le pensiline è una della tante cose che chiediamo, ma pare che nessuno ascolti. Trenitalia e Ferrovie dello Stato si rimbalzano la palla l’ una con l’ altra e tutto rimane tale e quale, specialmente i disservizi, che sono tanti». Prosegue: «Siamo in autunno, l’ inverno deve ancora arrivare e sarà piuttosto lungo e freddo». Racconta: «Basta pensare che qualche giorno fa una signora che proveniva da Meolo ha dovuto per forza timbrare il biglietto a Venezia, perché nella sua stazione le obliteratrici sono rotte e non ne trovava di funzionanti». Anche questo è un problema che ritorna costante, quello delle obliteratrici che si rompono o vengono vandalizzate. Tanto che nella stazione di Gaggio Porta Est, non è stata installata la emettitrice automatica, nonostante sia stata richiesta. (m.a.)

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox