fbpx
28 Febbraio 2019

Pedemontana veneta: M5s, scempio inutile e costoso

(AGI) – Roma, 28 feb. – “Siamo qui per accendere un faro sullo scempio ambientale, democratico ed economico che e’ la Pedemontana Veneta, un’infrastruttura ripetutamente bocciata dalla Corte dei Conti a dagli organi di controllo, che continua ad essere imposta illegittimamente ai cittadini e alle loro tasche”. Lo hanno affermato la deputata Sara Cunial (M5s) e l’ex senatore vicentino del Movimento, Enrico Cappelletti, oggi in conferenza stampa.
“La Pedemontana, in quanto project financing, avrebbe dovuto essere pagata dai privati senza oneri per la collettivita’ – ha continuato Cappelletti – ma dai 2,258 miliardi di euro iniziali arriveranno a pesare sui bilanci della Regione e sulle tasche degli automobilisti, quindi sui cittadini, oltre 13 miliardi di euro, piu’ del Mose e della Tav messi insieme. Un fiume di denaro, non motivato da alcuna emergenza pubblica. Sembra davvero che chi governa la regione Veneto, come affermato da Anac, abbia piu’ a cuore gli interessi del concessionario che quelli dei propri cittadini” hanno aggiunto Cunial e Cappelletti.
“L’insostenibilita’ economica di questo fiume di cemento andra’ a pesare anche sulle future generazioni. Ogni bambino veneto nascera’ con 2.500 euro di debito in piu’, a causa della Pedemontana”. ha spiegato Franco Conte, presidente regionale del Codacons.
“Quest’opera e’ nata per rispondere a un’emergenza creata a tavolino e gia’ dichiarata illegittima dalle sentenze” ha affermato Osvaldo Piccolotto, consulente tecnico nell’ambito di ricorsi aventi ad oggetto le criticita’ della Superstrada. “Un’opera basata su numeri del tutto infondati e su futuri flussi di traffico incongruenti con i dati reali, evidenziati anche da studi redatti per conto di Cassa Depositi e Prestiti e Banca Europea degli investimenti – ha spiegato Alberto Baccega, ingegnere, studioso ed esperto di infrastrutture di trasporto – Il livello del pedaggio si collochera’ inoltre al massimo di quelli noti in Italia e sara’ piu’ che doppio di quello delle autostrade presenti in Veneto, con buona pace delle categorie artigianali e industriali che la invocano come la manna dal cielo”.
“L’attenzione ora riguarda la giustizia amministrativa e la corretta applicazione di principi costituzionali, oltre che delle norme dello Stato, principi che vedono tutelare lo sviluppo della cultura e, del pari, il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Salute e utilita’ pubblica devono venire prima di qualunque altro profitto o arricchimento da conseguire alle spalle dei cittadini” ha concluso Gianfranco Perulli, avvocato amministrativista iscritto all’Ordine degli Avvocati di Venezia. (AGI) Mao

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox