4 Ottobre 2001

Paura di viaggiare Pioggia di disdette

Agenzie di viaggio in allarme
Paura di viaggiare Pioggia di disdette

I ROMANI e il rischio-attentati, che effetto fa recarsi presso i negozi americani o prenotare le vacanze invernali? Qualcosa è cambiato. Molto, nel settore turistico: preso d`assalto il centralino dell`ufficio legale romano del Codacons, soprattutto da ultraquarantenni timorosi di recarsi in Usa, S. Francisco, Turchia, Tunisia, Medio Oriente, Giordania e Sharm El Sheik. E` la riscoperta dell`Europa e delle città d`arte nostrane: «Le flessioni relative all`Egitto, Mar Rosso e Medio Oriente si ricollegano al clima generale d`insicurezza per la crisi politica internazionale – dice Maria Vittoria Stefani, presidente della Fiavet Lazio – Si opta per destinazioni più comode da cui poter facilmente rientrare in caso di scoppio di un conflitto. Prevedo un grosso boom per le destinazioni montane per le feste natalizie».
Disfattisti all`agenzia “Playtime“ a P.zza Cavour: «Il mercato è fermo, viaggiano solo i forzati per lavoro. – recrimina il responsabile Gioacchino Pendinelli – Disdetti il 95% dei viaggi in Usa, Marocco ed Egitto.
Anche per lavoro si viaggia in treno». E` psicosi di volare. «La paura di viaggiare in aereo è tanta – sostengono all`agenzia “Blue Marlin“, tour operator per Usa e Caraibi – Disdetto il 50% dei viaggi autunnali e posticipazioni fino a febbraio. Puntiamo a breve su mete alternative: terme e beauty farm, mentre entro dicembre si tornerà all`estero».

Cali del 10-15% per il CTS (Centro turistico studentesco): «Reggono bene Messico, Tailandia ed Europa, meno Parigi e Londra, Praga è in aumento.Favorita l`Italia con un volume di traffico doppio rispetto al 2000». I venti di guerra non sembrano offuscare invece l`appeal delle grandi catene commerciali, simbolo del potere economico degli States e possibili obiettivi a rischio attentati, frequentate tranquillamente dagli avventori romani. «Non è cambiato quasi nulla – afferma Antonio Fucci, appena uscito dal Mc Donald`s di P.zza La Salle, all`Aurelio, dove ha festeggiato il compleanno di suo figlio -E` la prima volta che ci torno dopo l`attentato. Avevo pensato di non venirci più, ma la vita continua». Una coppia di fidanzati che sta per varcare serenamente l`ingresso: «Siamo habituées. Sono andato a Milano in aereo 2 giorni dopo la tragedia, senza paura», dice Andrea. Così 3 ventenni al tavolo dello storico Mc Donald`s di P.zza di Spagna: «Non possiamo vivere con il timore di attentati perchè non andremmo da nessuna parte». Secondo i responsabili di Mc Donald`s l`afflusso di clientela non è variato, anzi, il fatturato è aumentato del 4% grazie alle promozioni.

«Non c`è allerta. C`è un camper della polizia fisso in p.zza di Spagna», spiega un manager. Sereni anche da Planet Hollywood a p.zza Barberini: «Nessuna variazione a livello commerciale – assicura Elisa Peghini, responsabile marketing – Abbiamo potenziato la vigilanza e ogni tanto passano pattuglie della polizia».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox