29 Gennaio 2014

Patteggiamento negato a Jonella Ligresti “Pena troppo bassa rispetto al reato”

Patteggiamento negato a Jonella Ligresti “Pena troppo bassa rispetto al reato”

TORINO – Una pena «non congrua» al reato e al danno provocato. Per questa ragione ieri pomeriggio Jonella Ligresti non ha potuto patteggiare la sua condanna nel procedimento per l’ aggiotaggio e il falso in bilancio di Fonsai. Il gip del Tribunale di Torino Sandra Recchione ha respinto la proposta formulata dalla difesa dell’ ex presidente di Fondiaria: gli avvocati Lucio Lucia e Gianluigi Tizzoni volevano una pena di tre anni e quattro mesi con trentamila euro di multa e avevano trovato l’ accordo dei pm Marco Gianoglio e Vittorio Nessi, ma gli avvocati di alcune associazioni di consumatori (Adoc, Movimento Consumatori, Adusbef, Codacons e Federconsumatori) si sono opposti. Grazie ad alcune recenti direttive europee hanno potuto assistere alle udienze ed esprimere i loro dubbi, che sono stati recepiti dal giudice: la pena carceraria e quella pecuniaria sono basse e non sono previste garanzie per gli indennizzi alle persone offese. «La decisione ci lascia un po’ perplessi. C’ era l’ accordo della procura», ha dichiarato Lucia. Adesso gli atti passeranno a un altro gip che dovrà disporre il processo immediato. Per la difesa resta però la possibilità di proporre un altro patteggiamento più «congruo».(a.giamb.)© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox