fbpx
27 Dicembre 2017

Parte del cenone di Natale va in pattumiera ‘è anche chi sceglie la strada del riciclo mac

AMILANO – Natale non dovrebbe tempo di sprechi, nemmeno in cucina. E invece emerge proprio questo dai dati raccolti da Coldiretti. Due gli aspetti che fanno riflettere: da una parte i 2,5 miliardi spesi dagli italiani per i cibi e le bevande consumati tra la cena della vigilia e il pranzo del 25 dicembre; dall’ altra il 20% degli acquisti che è finito in pattumiera, con una perdita a famiglia di circa 24 euro. “E’ evidente – denuncia il presidente di Codacons, Carlo Rienzi – come serva diffondere una corretta cultura alimentare. La recentissima legge Gadda contro gli sprechi ha fatto molto, ma ora è necessario avviare una campagna informativa a tappeto in modo da raggiungere le famiglie e fornire loro indicazioni corrette per ridurre le eccedenze alimentari”. I numeri di chi opta per il riciclo, però, sembrano essere incoraggianti. L’ 88% degli italiani si mette a tavola con gli avanzi rimasti sulle mense imbandite per cenoni e pranzi di Natale, riutiliz zati in cucina anche per una crescente sensibilità verso la riduzione degli sprechi per motivi economici, etici e ambientali. Nell’ indagine Coldiretti/Ixè divulgata ieri, il 7% delle famiglie dichiara che non avanza niente mentre il 2% dona in beneficenza e l’ 1% butta nel bidone e il resto non risponde. Secondo la Coldiretti ammonta ad almeno mezzo miliardo il valore di cibi e bevande programmati e non consumati sulle tavole degli italiani. “Polpette o polpettoni a base di carne o tartare di pesce sono una ottima soluzione per recuperare il cibo del giorno prima, ma anche le frittate possono dare sottolinea Coldiretti – un gusto nuovo ai piatti di verdura o di pasta, senza dimenticare la ratatouille”. La frutta secca in più può essere facilmente caramella taper diventare un ottimo torrone, mentre con quella fresca si ottengono pasticciate, marmellate o macedonie. E per dare un nuovo sapore ai dolci più tradizionali, come il pandoro oil panettone, si ricorre spesso alla farcitura con creme. “Recuperare il cibo – continua la Coldiretti – è una scelta che fa bene all’ economia e all’ ambiente anche con una minore produzione di rifiuti”. Sempre in fatto di consumi e abitudini natalizie, per il tradizionale appuntamento del Natale con la tavola è stato speso il 10% in più rispetto allo scorso anno. A prevalere è stato il made in Italy sulle tavole dove si sono affermati- conclude la Coldiretti- il bollito, i polli arrosto, i cappelletti in brodo, le pizze rustiche e idol ci fatti in casa, con il record di una media di 3,3 ore trascorse in cucina per la preparazione dei piatti. B.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox