fbpx
6 Maggio 2015

Parco abbandonato, i consumatori accusano

Parco abbandonato, i consumatori accusano

LECCE Tiene banco, in città, il caso del parco incompiuto della Trax Road sul quale hanno parecchio da dire anche le associazioni per la difesa dei cittadini che respingono la giustificazione del Comune secondo cui il polmone verde a ridosso della 167 sarebbe rimasto al palo a causa delle burocrazia. A tale proposito, il responsabile dell’ ufficio legale del Codacons leccese, Piero Mongelli, è molto chiaro: «Sono passati dieci anni da quando il parco è stato ideato, ma l’ opera non viene inaugurata. Il concetto secondo il quale i ritardi sono attribuibili alla burocrazia regge fino a un certo punto, perché la funzione dell’ amministrazione comunale, nel momento in cui consegna determinati lavori, è anche quella di eliminare i problemi che possono sorgere nell’ esecuzione corretta e coerente delle opere. Quindi, se ci sono stati degli intoppi, evidentemente questi non sono stati adeguatamente previsti e non ci sono state le adeguate contromisure. Insomma, qualcuno che doveva risolvere i problemi non li ha risolti. Le responsabilità evidentemente vanno cercate negli uffici». Voluto nel 2004 dall’ allora sindaca Adriana Poli Bortone, finanziato nel 2007 da Anas con 2,4 milioni di euro, deliberato nel 2008 dalla giunta comunale, il parco urbano doveva essere inaugurato il 7 agosto 2011, cioè 465 giorni dopo l’ avvio del cantiere avvenuto il 29 aprile 2010. Ma così non è stato. E per giunta l’ area verde, in attesa che si compiano i collaudi, è stata anche pesantemente vandalizzata, cosa che ha costretto il Comune a sborsare altri soldi per il ripristino delle strutture danneggiate. I vandali hanno devastato i servizi igienici, sradicato le piante ornamentali, spezzato gli alberi, deturpato i muri con vernice spray e sparso dappertutto rifiuti. L’ assessore comunale ai Lavori pubblici, Gaetano Messuti, però, ha annunciato imminenti collaudi e l’ inaugurazione del parco entro massimo un mese e mezzo. Alessandro Presicce, di Adoc Lecce, rimarca: «I parchi non vanno solo creati con un appalto, ma vanno anche curati, accuditi, legati al tessuto sociale nel quale si inseriscono. L’ amministrazione deve sollecitare le scuole del quartiere, le associazioni, i cittadini ad appropriarsi di quello spazio pubblico e a prendersene cura come se fosse casa loro. Inoltre, Trax Road sono parchi che nascono lungo strade e che si pongono l’ obiettivo di rimagliare il territorio ferito e tagliato da grosse arterie». Antonio Della Rocca.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox