26 Gennaio 2015

Parcheggia sul marciapiede il giudice di pace annulla la multa

Parcheggia sul marciapiede il giudice di pace annulla la multa

DALLA PRIMA DI CRONACA GIULIA FELICI IN UN pomeriggio del 2011, l’ automobilista, dopo aver girato per molto tempo alla ricerca di un posto auto, in zona Prati, decide di parcheggiare parzialmente su un marciapiede. Nonostante la brevità della fermata, una pattuglia di vigili urbani nota l’ auto in divieto di sosta e gli fa la multa. A quel punto l’ uomo decide di rivolgersi al Codacons, che lo assiste nel ricorso al Giudice di pace contro la sanzione. La contestazione si basa sulla sua condizione di disabilità. Il tribunale riconosce all’ automobilista lo stato di necessità della manovra, annullando la contravvenzione. «Il giudice Rosella Calò – spiega il Codacons in una nota – ha emesso una sentenza in cui si legge che la multa elevata al ricorrente è ingiusta in quanto l’ autovettura è condotta da un portatore di handicap che, non trovando un parcheggio normale né un posto disabili ha avuto la necessità, viste le sue condizioni, di sostare sul marciapiede». Il giudice di pace quindi, secondo il Codacons, «ha riconosciuto che la carenza di posti auto mette in condizione gli utenti portatori di handicap, in caso di necessità, di parcheggiare la propria automobile in violazione delle norme del codice della strada». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox