30 Gennaio 2007

Palermo, casalinga muore dopo due ricoveri

SANITA` MALATA CINQUE MEDICI SOTTO INDAGINE
Palermo, casalinga muore dopo due ricoveri

Cinque medici sono indagati per omicidio colposo per la morte di Angela Bartolone, una casalinga di 54 anni, deceduta all`ospedale Ingrassia di Palermo sabato scorso. Poche ore prima, era stata operata d`urgenza all`intestino in un altro nosocomio cittadino, il Buccheri La Ferla. La mancanza di posti letto nel reparto di Rianimazione ne aveva reso necessario il trasferimento all`Ingrassia, dove la paziente è entrata in coma. I familiari sostengono che la donna, più volte, nei giorni precedenti l`operazione, si era rivolta ai sanitari denunciando dolori addominali e che le era stata diagnositicata una banale sindrome influenzale. “Sembra di assistere ad un bollettino di guerra, con vittime create dalla malasanità e dagli ospedali tenuti in condizioni di assoluta precarietà igienica“, commenta Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons che annuncia di avere messo a disposizione degli utenti della sanità un pool di avvocati che fornirà consulenze gratuite. Intanto a Torino la figlia dell`uomo morto fuori dall`ospedale dice: “Ancora non riesco a credere che mio padre sia morto in questo modo assurdo“. E a Vibo Valentia, dove la 16enne Federica è entrata in coma e poi è morta per un blackout in sala operatoria, un anestesista con un esposto alla procura chiede se l`impianto della sala operatoria sia stato modificato da tecnici dell`Azienda sanitaria. “Medici macellai“ hanno gridato invece gli studenti di Vibo Valentia ieri, durante una protesta davanti all`ospedale. I ragazzi di varie scuole della città si sono dati appuntamento davanti al nosocomio. Una manifestazione spontanea per ricordare l`amica che non c`è più.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox