31 Gennaio 2005

Pagheremo 1.340 euro in più

Ogni famiglia italiana, nel 2005, dovrà sborsare in più, rispetto all?anno prima, 1.176 euro. Per i veneti, a questa cifra bisogna aggiungere il 14 per cento e arriviamo così a 1340,64 euro in più rispetto al 2004. Ciò a causa delle politiche economiche contenute nella finanziaria e all?aumento di tariffe e imposte locali. Una cifra rivelata dalla Codacons, tramite il suo presidente, l?avvocato mestrino Franco Conte e che mette ancora più a nudo la crisi di un sistema. «Aumentano bolli, conti correnti, concessioni, biglietti per i mezzi pubblici, tariffe di gas, luce, acqua, l?Ici, la Tarsu, le bevande, i tabacchi – esordisce Conte – la riduzione delle tasse è più che compensata dai nuovi balzelli che ci troviamo ad affrontare. Quindi, di fronte alla precipitosa caduta del potere d?acquisto dei consumatori, siamo costretti a scontrarci con ulteriori, indesiderate spese».

Dove andremo a finire? «Bisogna dire che il pretesto dell?euro ha prodotto nel Paese un trasferimento forzoso del 4 per cento del Pil (52 miliardi di euro) dalle tasche dei consumatori a quelle di chi determina prezzi e tariffe. Per quanto riguarda il credito al consumo, nel 2004 le famiglie venete si sono indebitate per un miliardo e seicento milioni di euro in più rispetto a prima». Non stupisce dunque che, ormai, i nuclei familiari a monoreddito si siano praticamente estinti in tutto Veneto, come nel resto del Paese. E? l?unico modo per sopravvivere.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox