22 Dicembre 2019

«Paga la bolletta o stacchiamo la luce» Ecco la truffa -energia

una mail di enel invita il codacons a saldare un conto, ma è un falso.
IL CASO Le truffe online non guardano in faccia a nessuno, neanche a chi di mestiere aiuta le persone a non caderci. È infatti arrivata all’ indirizzo elettronico del Codacons Umbria la mail civetta che invitava l’ associazione a pagare una bolletta Enel di 65,02 euro non risultata pagata. Un maldestro tentativo di ottenere indebitamente quel denaro o, peggio, clonare i dati di pagamento. La conferma che si tratta di una truffa è arrivata direttamente da Enel Energia mentre il testo della mail incriminata è stato girato, quale segnalazione, alla polizia postale. Ma non è l’ unico caso di messaggi ingannevoli che circolano in questi giorni via email e via sms invitando le persone a cliccare su link per aggiudicarsi i premi di fantomatici concorsi veicolati da importanti catene di negozi di elettronica o da un noto sito di vendite online. La vicenda che interessa direttamente l’ associazione di consumatori riguarda lo strano sollecito di una bolletta. «La mail ricevuta ci invitava a versare l’ importo entro il 23 dicembre 2019 altrimenti spiega Carla Falcinelli, presidente del Codacons Umbria entro il 23 dicembre 2020 ci avrebbero staccato il servizio. Un particolare che ci ha insospettito, ma che abbiamo voluto appurare considerando che nelle scorse settimane ci hanno rubato la cassetta della posta che abbiamo rimesso solo in questi ultimi giorni». Dopo aver appurato che l’ ultima bolletta Enel era stata pagata a novembre e che la fatturazione è bimestrale, si è capito che si trattava di un tentativo di truffa. Conferma arrivata da una verifica sul mittente della mail. «Il messaggio risultava arrivato da enelenergiadirezione at mmsrl-medicina.com e questo ci ha confermato che si trattava di un falso». L’ episodio è quindi stato segnalato al gestore. «Enel ci ha confermato che messaggi di questo tipo stanno arrivando a raffica, anche via sms sul telefonino aggiunge Carla Falcinelli e temiamo che qualcuno sia caduto nella trappola aprendo il link ed effettuando il pagamento elettronico». Col rischio di versare soldi a pirati telematici o di vedersi copiati i dati finanziari. «Per questo è importante verificare col proprio gestore prima di dare ascolto a messaggi come quello che abbiamo ricevuto, il cui testo è stato inoltrato alla polizia postale». Ma non è l’ unico specchietto delle allodole che circola online con l’ ultima frontiera dell’ inganno che alletta le persone con fantomatici premi. Decine di utenti telefonici umbri hanno ricevuto messaggi con un testo simile: Marco, sei uno dei vincitori del concorso Unieuro, seleziona qui il tuo prodotto:. Di seguito compare un link di questo tipo: http://jj8.us/aYDvP che ovviamente non va aperto onde evitare che il telefonino vada in crash o riceva un pericoloso trojan. Altro sistema utilizzato dai furbi della rete è quello di clonare la grafica di Amazon invitando le persone ad accedere al proprio account per reclamare il premio assegnato. Anche in questo caso, cliccando, si rischia di comunicare agli hacker che si nascondono dietro tali meccanismi i dati di accesso e, quindi, tutte le informazioni personali, dall’ indirizzo di casa ai dati della di carta elettronica. Fabio Nucci.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox