30 Gennaio 2015

Orari degli impianti Il Codacons denuncia «poca informazione»

Orari degli impianti Il Codacons denuncia «poca informazione»
cortina. ma ghezze non ci sta: «i cartelli sono posti ovunque e due app danno in tempo reale le eventuali variazioni»

CORTINA Il Codacons denuncia scarsa informazione in merito all’ orario di chiusura diversificato degli impianti di risalita del Superski. Gli impiantisti rimandano al mittente l’ accusa. «I cittadini che in questi giorni si recano sulle Dolomiti a sciare», scrivono in una nota dal Codacons, «devono prestare molta attenzione agli orari dei servizi presso le singole piste: a seconda di dove ci si trova, infatti, gli impianti chiudono in orari diversificati, compresi in genere tra le 16 e le 16.45. Il problema, tuttavia, è che molti titolari di skipass, non ricevendo adeguate informazioni, raggiungono gli impianti di risalita oltre l’ orario limite – nella convinzione che chiudano tutti alla stessa ora – e si ritrovano così costretti ad “arrangiarsi” e a spendere altri soldi per poter rientrare nelle varie località di villeggiatura usufruendo dei mezzi pubblici, ovvero dei taxi, con costi che sfiorano anche i 100 euro a tratta; tutto questo in aggiunta agli oltre 250 euro spesi per lo skipass settimanale. Sarebbe opportuno», concludono dal Codacons, «uniformare gli orari di chiusura degli impianti, o quantomeno fornire informazioni adeguate, chiare, evidenti e continue agli sciatori, anche attraverso messaggi sonori, in modo da evitare disagi». «Gli orari sono scritti ovunque», replica Enrico Ghezze, presidente dello Skipass Cortina e del consorzio impianti Cortina, San Vito, Auronzo e Misurina, «e infatti nessuno si è mai lamentato. Gli orari sono alla partenza degli impianti ed all’ arrivo, in più lingue per agevolare anche gli stranieri. Non solo: gli orari degli impianti sono disponibili anche nei vari dépliant cartacei che si trovano negli alberghi o nei rifugi. Inoltre, stando al passo con i tempi, li abbiamo anche in due applicazioni di ultima generazione: una per il Dolomiti Super Ski e una per la zona di Cortina, San Vito, Auronzo e Misurina. In entrambe le App, che sono scaricate quotidianamente da decine di utenti e vengono utilizzate da migliaia di sciatori, in home page ci sono gli orari di apertura e chiusura degli impianti e ben in evidenza si vedono le eventuali variazioni. Non so con chi abbiano parlato dal Codacons e chi sia che abbia dovuto prendersi un taxi. Io so che se per cause di forza maggiore, come un forte vento, dobbiamo chiudere le funivie, come successo in Faloria alcune settimane fa, abbiamo garantito il trasporto degli sciatori da Rio Gere al centro a spese della società Faloria e non certo degli utenti. Lo stesso accade sul giro del Sella e su tutti i comprensori dolomitici dove, se ci sono degli impedimenti, viene messo a disposizione un autobus gratuito per gli sciatori. Ritengo che quella del Codacons sia una polemica davvero sterile», conclude Ghezze, «basta farsi un giro in pista per vedere che gli orari sono evidenti e comprensibili». Alessandra Segafreddo.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox