7 Agosto 2016

Ombrelloni d’ oro. Record in Sardegna

Ombrelloni d’ oro. Record in Sardegna

• Cara estate 2016, quanto mi costi. Non batte la fiacca il tormentone caro ombrelloni per la gioia di vacanzieri e turisti in cerca di refrigerio sulle coste del Belpaese. «Rincari che variano da zona a zona», ha decretato l’ Adoc, l’ Associazione per la difesa e l’ orientamento dei consumatori. Offerta sempre più ampia con stabilimenti adatti ad ogni età e con tutti gli optional possibili per tutti i gusti e le tasche, ma i costi continuano a salire. La spesa media a casa nostra si aggira sui 59 euro per una famiglia di quattro persone per l’ uso di ombrellone, sdraio e servizi vari, omettendo il capitolo ristorazione, per il quale si sborsa in media fino a 25 euro e oltre a nucleo familiare. 40 euro al giorno e più il prezzo medio in Sardegna per ombrellone + sdraio (Santa Teresa di Gallura e dintorni), che apre la classifica (fino a 80 euro qui con l’ ag giunta di servizi extra, 5,2% di aumento rispetto allo scorso anno), poco più giù si piazza la Liguria – Portovenere – con 39 euro, poi la Toscana (Collelungo) con 36 euro, il Veneto (Bibione) con 32,5 euro, le Marche (Numana) con 30 euro (+ 3,7%) al pari dell’ Abruzzo (Rocca San Giovanni) e dell’ Emilia Romagna (Cesenatico), e il Lazio (Sperlonga) con 29,5. Almeno 28 euro per la Basilicata (Maratea), più o meno come il Friuli (Sistiana), e ancora c’ è la Puglia, pluripremiata destinazione top, con 27 euro – Gallipoli (+3,8%), seguita a ruota dal mare della Calabria (Capo Rizzuto) e da quello della Campania (Agropoli, Pollica), 25 euro, + 4,1%. La Sicilia rimane nell’ empireo delle regioni più gettonate-da Ce falù a Capo d’ Orlando: qui sdraiarsi sotto l’ ombrellone lo si può fare pure con un costo minimo di 25 euro. In Molise (Termoli, Campomarino) invece, che chiude l’ elenco, si riesce a spendere anche meno di 25 euro a famiglia. Tirando le somme, la media generale nel nostro Paese arriva a 29,80 euro. «Nonostante il lieve rialzo dei costi, il mare e le località balneari italiane – sottolinea Roberto Tascini, presidente dell’ Adoc – continuano ad essere le mete preferite dai turisti italiani, scelte dal 65% di chi parte. La Sicilia è la regione più gettonata (19% delle preferenze), seguita da Puglia e Lazio. Il periodo amato peril soggiorno rimane agosto, ma anche settembre, che mediamente prevede prezzi inferiori del 30% rispetto all’ alta stagione». Parlando di mete luxury, al top delle spiagge d’ élite e più costose d’ Italia c’ è il Lido di Venezia. A stabilirlo è stata una classifica stilata dal Codacons na zionale. La spiaggia più costosa di tutta la Penisola con capanne in affitto per ben 355 euro al giorno. I dati si inseguono, sempre al rialzo. Secondo il monitoraggio effettuato dall’ Onf- Osservatorio Nazionale Federconsumatori, una semplice giornata al mare per una famiglia media di quattro persone quest’ anno costa in media oltre 85 euro (1,2% in più rispetto al 2015), con un’ incidenza della spesa per sdraio, lettini, ombrellone e ingresso allo stabilimento superiore ai 25 euro. Da qui la considerazione che la situazione economica continuerà a rendere difficile per diverse famiglie concedersi specialmente ad agosto la tradizionale vacanza di almeno una settimana.
valentina conti
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this