9 Febbraio 2018

Olio di palma, Codacons denuncia Nutella: “Stop alla pubblicità ingannevole”

 

La Nutella di nuovo al centro delle polemiche per l’uso dell’olio di palma. Il Codacons infatti oggi ha presentato un esposto all’Autorità per la concorrenza per chiedere l’immediato stop alla campagna pubblicitaria promossa dalla Ferrero per sostenere che l’olio di palma utilizzato nella famosa crema spalmabile è sicuro per la salute e non comporta danni per l’ambiente. Dopo che l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), nel maggio 2016, aveva inserito alcune sostanze presenti nell’olio di palma nell’elenco di quelle potenzialmente cancerogene, il gruppo dolciario di Alba, infatti, a differenza di altri marchi, ha adottato un strategia completante diversa e invece di eliminarlo dalla ricetta ne ha sostenuto la sua non pericolosità.

In particolare la Ferrero ha avviato una vasta campagna pubblicitaria su giornali, tv e sul web con una sola parola d’ordine: “Il nostro olio di palma è sicuro”. Per questo l’associazione dei consumatori ha chiesto la sospensione degli spot, sostenendo che esaltano in modo del tutto eccessivo e inopportuno l’utilizzo dell’olio di palma per la realizzazione della Nutella. “Tale campagna pubblicitaria, tesa a veicolare il messaggio che l’olio di palma sia una materia prima ‘assolutamente sicura’ e ‘priva di rischi’ per la salute dei consumatori, è assolutamente scorretta ed ingannevole”, scrive il Codacons nell’esposto, sottolineando che al contrario “L’Istituto Superiore di Sanità nel valutare gli effetti sulla salute umana del consumo di olio di palma, evidenzia ‘Una vasta letteratura scientifica che ha messo in evidenza l’associazione tra consumo in eccesso di questa classe di grassi (gli acidi grassi saturi) e aumento del rischio di malattie cardiovascolari, di infarto e di malattia coronarica’ ”.
Olio di palma, Codacons denuncia Nutella: “Stop alla pubblicità ingannevole”

“È evidente che con l’analizzato claim il professionista vuole far credere ai consumatori che l’olio di palma sia in assoluto esente da pericoli, quando ciò non è vero, e li porta così a trascurare quelle normali regole di prudenza che debbono sempre adottarsi nei confronti di prodotti a potenziale effetto dannoso sulla salute”, spiegano ancora dal Codacons, elencando una serie di pronunce dell’AGCM che indicano come negli spot “La sicurezza dell’alimento non deve essere espressa in termini assoluti perché è in grado di ridurre e sviare la consapevolezza del consumatore”.

Alla luce delle recenti avvertenze anche da parte del’Istituto Superiore di Sanità, l’associazione dei consumatori inoltre ha inviato una istanza urgente al Comando Generale dei Nas, in cui si chiede di verificare la correttezza delle informazioni riportate sulle etichette dei barattoli di Nutella e di tutti gli altri alimenti in commercio contenenti olio di palma. In particolare si chiese ei carabinieri di accertare se le etichette riportino correttamente i valori nutrizionali dell’olio di palma e le quantità massime assimilabili dai consumatori, in special modo i bambini, onde evitare possibili rischi per la salute, e in caso contrario valutare il ritiro dal commercio dei prodotto incriminati.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox