6 Ottobre 2001

Ogm nel latte dei neonati, è polemica

LA FEDERCONSUMATORI DENUNCIA: IN CERTE FARMACIE SI PUO? ANCOR OGGI COMPRARE L?ALSOY 1

Ogm nel latte dei neonati, è polemica

Si esaspera la polemica sulla presenza di organismi geneticamente modificati (i controversi Ogm) nel latte in polvere per neonati. Questa volta la denuncia è firmata dalla Federconsumatori di Torino, che ha deciso di presentare un esposto in Procura dopo aver scoperto come confezioni di «Alsoy 1» – latte in polvere di soia prodotto dalla Nestlé – continuino ad essere presenti sugli scaffali di alcune farmacie. E questo nonostante una direttiva della Comunità europea emanata nell?aprile ?99 vieti tassativamente l?impiego di Dna geneticamente modificato negli alimenti destinati ai lattanti. Da qui la preoccupazione dell?associazione consumatori. «E? il secondo caso in pochi mesi – spiega Diego Calabrese, il presidente -. Ho potuto acquistare in una farmacia in largo Brescia una confezione di Alsoy 1 al prezzo di una trentina di migliaia di lire. Sulla confezione del prodotto, con scadenza all?11 aprile 2002, si fa esplicito riferimento nell?elenco degli ingredienti a ?proteine isolate di soia (geneticamente modificate)?. Alimenti di questo tipo non andrebbero ritirati dal mercato?». A questo punto, annuncia Calabrese, presenteremo un esposto in Procura chiedendo il sequestro della merce e costituendoci per danni morali contro la Nestlé quando si andrà in giudizio. Abbiamo già dato mandato ai nostri legali». L?episodio si inserisce all?interno del dibattito in corso dopo che i carabinieri del Nas hanno rilevato la presenza di organismi geneticamente modificati nel latte in polvere di soia per neonati. Sotto accusa due prodotti: l?«Alsoy 2» della Nestlé (variante dell?«Alsoy 1») ed il «Multisoy» della Dieterba. Vicenda sulla quale il senatore Angelo Muzio ricorda di aver già presentato un?interrogazione parlamentare al ministro della Sanità nella quale chiedeva il ritiro del prodotto della Nestlè dalla distribuzione sul mercato italiano. Un nuovo filone di indagine per il procuratore aggiunto di Torino Raffaele Guariniello, impegnato a verificare fino a che punto è stata seguita la direttiva europea del ?99. I controlli non si limitano alla soia ma rientrano in un?ampia inchiesta sui cibi transgenici, avviata l?estate scorsa da un esposto del CODACONS e finora culminata nel rinvio a giudizio di un imprenditore accusato di «frode in commercio» (che rappresenta anche l?ipotesi di accusa in questo nuovo e complesso filone di indagine). Al momento non risultano nomi sul registro degli indagati. Da parte loro, sia la Nestlé sia la Dieterba respingono ogni accusa. «L?alimento in polvere per lattanti Alsoy è non-gm in quanto non utilizza materie prime modificate nelle proprie produzioni – ha dichiarato giovedì la Nestlé Italia -. E il prodotto a marchio Alsoy è conforme alla legislazione vigente anche secondo il ministero della Salute». Analoga la posizione della Dieterba, che sostiene «di non utilizzare per gli alimenti dedicati all?infanzia ingredienti derivati da organismi geneticamente modificati».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox