12 Settembre 2002

Oggi i consumatori scioperano contro il caro-vita

Sciopero della spesa, sit-in e manifestazioni di piazza i consumatori non mollano la presa sul fronte del caro-prezzi. Lo “sciopero della spesa“ indetto per oggi è stato promosso da Intesa, la sigla che raccoglie Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori: un`iniziativa «contro il carovita (aumento indiscriminato delle tariffe: trasporti, treni, autostrade, farmaci, acqua, gas, luce, telefonia fissa, rc-auto, canoni Rai e Poste), nonché il blocco, concordato con i commercianti e distributori, dei listini di prodotti di più largo consumo che hanno provocato un aumento medio per le famiglie italiane di 950 euro all`anno». Allo sciopero della spesa – coadiuvato da un sit-in sotto il Parlamento – hanno dato la loro adesione anche la Cgil, il Sunia, l`Aspi, l`Apu, Confsal, Verdi e Rifondazione Comunista. Contraria allo stop degli acquisti è invece Altroconsumo che propone per sabato 14 settembre una “giornata di autodifesa del consumatore“: giorno in cui l`associazione renderà noti i nomi dei 3 marchi della grande distribuzione con i prezzi più convenienti. Mentre si è tenuto ieri sotto il Senato il sit-in della Confederazione dei Consumatori (Adiconsum, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Lega consumatori Acli, Movimento difesa del cittadino, Movimento consumatori, Unione nazionale consumatori) dove hanno distribuito cartoline postali indirizzate al premier Berlusconi con la scritta “Stop al caro-prezzi e agli aumenti speculativi“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox