16 Marzo 2010

Occhiali per il 3D solo monouso e sopra i 6 anni

E così gli occhialini per il 3D, simbolo della riscossa per il languente cinema in sala, sono finiti pesantemente sotto accusa: da oggi, per effetto di un parere del Consiglio superiore di Sanità, non potranno essere usati dai bambini sotto i sei anni. Scatta anche l’ obbligo di un intervallo più lungo fra primo e secondo tempo (per far riposare la vista, si suppone) e la messa al bando dei modelli «riciclabili», cioè da disinfettare fra una proiezione e l’ altra. Tutto quanto per merito (o colpa) di una treenne di Milano, Diana Camozzi, finita al pronto soccorso «con un occhio grande come una noce» dopo aver visto Alice in Wonderland . Curiosa coincidenza: la bambina è figlia di un dirigente del Codacons lombardo, associazione che da tempo si batte contro i rischi degli occhiali verdi e rossi, accusandoli di non essere muniti di marchio Ce e di non essere sottoposti a una buona manutenzione da qualche esercente poco scrupoloso. E non solo di congiuntiviti si tratta: forse non ci avevate pensato e il discorso non è da sala d’ essai, ma con i famigerati occhiali il rischio è anche quello di beccarsi lendini e pidocchi. Da oggi, dunque, si cambia: via i modelli riciclabili e sotto con quelli usa e getta, che impongono un sovrapprezzo di 1 euro e 20 ma che poi ti potrai portare a casa. Due considerazioni: non è che il costo totale del biglietto, alla fin fine, alza da una parte e ritocca dall’ altra, finirà davvero per scoraggiare l’ uso delle sale? E come faranno gli esercenti (imbufaliti: il presidente dell’ Anec Paolo Protti, pur difendendo la salute prima di tutto, parla di «uno zelo tutto italiano» e di «pareri rassicuranti di illustri oftalmologi») a organizzarsi in poche ore? Nel frattempo i Nas vigilano: nelle scorse settimane sono state sequestrate settemila paia di occhiali. E Diana si cura l’ occhio con una pomata al cortisone: quel pomeriggio col Cappellaio Matto se lo ricorderà per un pezzo.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox