9 Settembre 2010

Occhiali 3D, la circolare del Ministero

        Occhiali 3D: continua la saga Codacons: si nominerà Commissione tecnica di esperti.

Nuovo capitolo nella saga degli occhiali 3D per la visione di film con nuove tecnologie. La III Sezione del Tar Lazio, accogliendo il ricorso del Codacons, "ha emesso una ordinanza con la quale si nomina una Commissione tecnica che avrà il compito di valutare le prescrizioni impartite dal Ministero della Salute sulla questione 3D".
È quando rende noto la stessa associazione, che sottolinea come la Commissione di esperti dovrà verificare "se risultano adeguate le prescrizioni fornite dal Ministero sulla base dei pareri resi dal Consiglio Superiore di Sanità, in relazione:alla controindicazione per l’utilizzo degli occhiali da parte dei minori di anni 6, ovvero appaia scientificamente fondata una diversa prescrizione che individui una età superiore o inferiore; alla limitazione temporale dell’uso degli occhiali da parte degli adulti, ovvero appaia scientificamente possibile individuare più precisi limiti temporali o opportuni periodi di sospensione, in relazione all’ordinaria durata di una proiezione; alla utilizzazione degli occhiali pluriuso, in ordine ai protocolli di sanificazione o ricondizionamento degli stessi, ovvero sia scientificamente possibile dettare protocolli specifici ed uniformi, e quali, al fine di evitare rischi di contagio". Nell’attesa l’associazione sconsiglia di usare occhiali 3D che non siano monouso.
Intanto ricordiamo ai lettori che con una circolare il Ministero, lo scorso 17 marzo 2010, precisava: la visione di spettacoli cinematografici stereoscopici deve essere garantita agli spettatori l’informazione che l’utilizzo di occhiali 3D è controindicato per i bambini al di sotto dei sei anni d’età e che l’utilizzo dei medesimi occhiali negli adulti va limitato nel tempo, per una durata complessiva non superiore a quella di un singolo spettacolo, compreso l’intervallo. E’ quanto ha specificato il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, nella circolare emanata oggi alla luce delle considerazioni espresse dal Consiglio Superiore di Sanità.
La Circolare – inviata agli esercenti della sale cinematografiche, ai Dipartimenti di prevenzione delle Asl ed al Comando dei Carabinieri per la tutela della Salute (NAS) – riferisce, inoltre, che il Consiglio Superiore di Sanità, in considerazione del rischio di un aumento di trasmissione di infezioni batteriche e virali derivanti da un’utilizzazione inadeguata di occhiali 3D multiuso, ha espresso il parere che agli spettatori debba essere garantita la fornitura di occhiali monouso.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox