13 febbraio 2018

Obbligo origine etichetta su pasta e riso. Codacons. Porterà benefici ai cittadini italiani

 

Agenpress – Una misura che porterà benefici alla totalità dei cittadini italiani, principali consumatori di pasta al mondo. Lo afferma il Codacons, commentando l’obbligo di indicare in etichetta l’origine della materia prima per riso e pasta.

Con 24 kg di consumo annuo procapite l’Italia è da sempre in testa alla classifica dei paesi che inseriscono la pasta come alimento fisso della propria dieta alimentare, e stacca nettamente la Tunisia (16 g) e il Venezuela (12 kg), rispettivamente secondi e terzi in classifica – spiega il Codacons – E’ che la pasta sia regina indiscussa delle nostre tavole lo conferma il fatto che, in media, gli italiani la mangino 5 volte a settimana. Percentuale più alta nel Sud Italia e nelle Isole, dove addirittura un cittadino su 2 mangia pasta almeno una volta al giorno.

“Proprio tali numeri danno la misura dell’importanza di indicare in etichetta l’origine della materia prima per pasta e riso, perché i consumatori hanno il diritto di sapere cosa mangiano e di fare scelte consapevoli, premiando il Made in Italy e le produzioni nostrane finora danneggiate da inganni alimentari e dalla totale mancanza di trasparenza delle etichette” – conclude il presidente Carlo Rienzi.