11 Febbraio 2010

Nuovo sistema di sicurezza Volvo: dopo le auto, anche lo stop automatico in caso di pericolo generato dai pedoni

Nonostante si assista spesso, parlando di automobili, ad una demonizzazione incondizionata della velocità in autostrada e sulle arterie extraurbane, erroneamente identificate quasi alla stregua dell’ essere le cause uniche di incidenti e quindi di morti e feriti sulle nostre vie di comunicazione. Nella realtà dei fatti, secondo i dati sulla sicurezza stradale diffusi dal Ministero dei Trasporti e relativi al 2009, il 44% dei decessi ed il 73% del totale dei feriti per incidente avvengono proprio in città: automobilisti indisciplinati, ma anche pedoni disattenti costituiscono il campione su cui lavorare per rimediare ad una situazione preoccupante. Se, da un lato, ci sono provocatorie quanto dissennate proposte come quella del Codacons, che sostiene la necessità di eliminare ogni tipo di segnaletica, esperimento che all’ estero ha dato ottimi risultati ma per il quale non si tiene conto dell’ atavica "creatività" e malsopportazione delle regole da parte dell’ italiano medio al volante, dall’ altra ci sono iniziative dei costruttori di automobili, come ad esempio Volvo. Il brand scandinavo, di proprietà di Ford e da sempre all’ avanguardia sul fronte della sicurezza attiva e passiva, ha di recente introdotto su alcuni suoi modelli un sistema in grado di monitorare il movimento dei mezzi che si trovano davanti al veicolo che, all’ occorrenza, si ferma da sé per mezzo dell’ attivazione di un sistema di frenata assistita dal computer di bordo. Il successivo step evolutivo, che vedrà la luce sulla futura S60, prevede anche la tracciatura del movimento dei pedoni; sulla base di questo, il sistema informa il conducente della loro presenza e, in caso di necessità, è in grado di fermare completamente la vettura in modo automatico qualora il conducente non rispondesse in modo tempestivo all’ approssimarsi del pericolo. La massima velocità entro la quale viene garantito lo stop automatico è 22 miglia l’ ora, pari a circa 35,5 km/h; oltre questa soglia viene comunque assicurata una robusta riduzione della velocità, che favorisce la ripresa del controllo da parte del conducente. Il debutto del sistema, che al momento pare non avere un nome definito, dovrebbe avvenire al prossimo Salone di Ginevra, fissato dal 4 al 14 Marzo 2010, in concomitanza con la presentazione della nuova S60, che giungerà sul mercato ad inizio estate di quest’ anno. Fonte.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this