fbpx
28 Maggio 2010

Nuovi pedaggi per gli automobilisti

Sarà a pagamento la Salerno-Reggio Il ministro dell’economia Giulio Tremonti espone la manovra

Bankitalia versa un milione di bonus

ROMA
Nuovi pedaggi, da luglio, per gli automobilisti. Uno o due euro (iva esclusa), a seconda della classe dell’auto, si pagheranno in uscita dagli attuali caselli che sono collegati con autostrade e raccordi gestiti dall’Anas. Ma presto arriverà il ticket, anche se le modalità sono da definire, su alcune importanti tratte dell’Anas: in lista per l’accesso a pagamento ce ne sono 23, tra cui la Salerno-Reggio Calabria, il Grande raccordo anulare di Roma e la Roma-Fiumicino.

Con la manovra il governo punta ai risparmi e con questa misura a ridurre i contributi annui dovuti dallo Stato per gli investimenti per opere e manutenzione straordinaria dell’Anas, il cui unico azionista è il ministero dell’Economia. Sull’altro fronte, l’Anas conquista il pedaggio e fa un passo avanti verso un obiettivo che rincorre da tempo, ribadito oggi dal presidente Pietro Ciucci, cioè «raggiungere l’autonomia finanziaria e non incidere più sui conti pubblici».

A luglio si saprà su quali delle 23 fra strade e autostrade gestite direttamente dall’Anas sarà applicato il pedaggio. Nel frattempo ci sarà una maggiorazione da pagare al casello di uscita di alcune autostrade in concessione che si collegano con altre e con raccordi gestiti dall’Anas. L’ipotesi del pedaggio sul Grande raccordo anulare di Roma torna per l’ennesima volta ma nel braccio di ferro sinora ha prevalso il no degli enti locali. Improbabile il pedaggio sull’autostrada Roma-Fiumicino perchè è un collegamento con l’aeroporto internazionale e quindi garantito dallo Stato. Nella fase transitoria, cioè prima che vengano costruiti caselli gestiti direttamente dall’Anas, il pedaggio sarà una maggiorazione che non potrà superare del 25% l’attuale e sarà di un euro per le classi A e B e di due per le classi 3, 4 e 5.

Proprio oggi, l’Anas ha reso noto di aver chiuso il 2009 con utili in crescita per il secondo anno consecutivo nella sua storia (16,8 milioni di euro per il gruppo, con un aumento di 14,4 milioni rispetto al 2008) in particolare grazie alla capogruppo Anas spa (utile a 5,3 milioni di euro, con un incremento di 1,8 milioni). Con 20 gare di appalto bandite nel 2009 e investimenti per oltre 1,7 miliardi di euro, Anas si è confermata «la prima stazione appaltante del Paese negli ultimi anni». Secondo Ciucci, «il risultato positivo raggiunto per il secondo anno consecutivo non è ancora sufficiente a rassicurare sul risanamento economico strutturale e durevole di Anas».

Critiche all’aumento dei pedaggi dal capogruppo del Pd in commissione Trasporti alla Camera, Michele Meta, secondo cui «è una stangata in coincidenza con l’esodo estivo» mentre per il Codacons su Salerno-Reggio Calabria e Gra di Roma «è una vera follia».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox